«COMPLETE - Blues Brothers» la recensione di Rockol

Blues Brothers - COMPLETE - la recensione

Recensione del 23 giu 1998

La recensione

Lasciamo perdere il film nella sua versione "2000", che se da un lato il tempo passa per tutti (ma mai per chi critica), dall’altro ripetere un capolavoro come l’originale era impresa comunque proibitiva. Lasciamo perdere il film e pensiamo alla musica: quella dei Blues Brothers - è stato già scritto e riscritto - era una blues band coi fiocchi, una turbina di r&b con al suo interno qualche musicista che la storia di quel genere l’aveva fatta davvero (Steve Crooper e Donald "Duck" Dunn, ad esempio), così come Belushi, al di là della sua resa discontinua, era a modo suo un grande performer. Limitati dall’essere star cinematografiche più che musicali, i Blues Brothers sono forse stati ingiustamente sottovalutati - soprattutto in Europa, dove arrivava di meno la eco delle loro esibizioni come band - visto che alla luce di questo disco non si può non considerarli una r&b band tra le migliori in circolazione. Due cd che riepilogano in toto i quattro album pubblicati dai BB ("Briefcase full of blues", "BB original soundtrack", "Made in America", cui va aggiunto un "Best of"), un totale di 35 brani e un repertorio che mette paura per quanto è vitale e scalmanato, adatto a trasformare qualsiasi festa in un remake del film o in un toga party preso in prestito da "Animal House": il "Complete" dei Blues Brothers è un album che non deve mancare in nessuna casa. Se questi erano degli amatori (e comunque in un certo senso lo erano), giù due volte il cappello. Dall’opening di "I can’t turn you loose" all’ending dello stesso pezzo, usato come doppia sigla, è tutto un fervere di musica sudata e fatta di birra, occhiali scuri e camicie bianche sudate sotto l’abito nero. Oggi come ieri, e come sempre, in missione per conto di Dio.

Track list:

CD 1

  • Opening: I can’t turn you loose
  • Everybody needs somebody to love
  • Gimme some lovin’
  • Think
  • Soul man
  • Soul finger
  • Messin’ with the kid
  • Hey bartender
  • (I got every thing I need) almost
  • Rubber biscuit
  • Shot gun blues
  • Groove me
  • I don’t know
  • "B" movie box car blues
  • Flip flop and fly
  • She caught the katy
  • Peter Gunn theme

CD 2

  • Shake a tail feather
  • The old landmark
  • Theme from rawhide
  • Minnie the moocher
  • Sweet home Chicago
  • Jailhouse rock
  • Who’s making love
  • Do you love me
  • Guilty
  • Perry Mason theme
  • Riot in cell block number nine
  • Green onions
  • I ain’t got you
  • From the botton
  • Going back to Miami
  • Expressway to your heart
  • Excusez moi mon cherie
  • Closing: I can’t turn you loose
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.