«BANDITI 2000 - Assalti Frontali» la recensione di Rockol

Assalti Frontali - BANDITI 2000 - la recensione

Recensione del 27 lug 2000

La recensione

L’anno scorso, quando gli Assalti avevano pubblicato l’album “Banditi” non eravamo stati molto teneri con loro, accusandoli di aver fatto un album tanto nobile nei contenuti e nelle intenzioni quanto monotono e povero negli arrangiamenti e nelle basi musicali. “Banditi 2000” sembra quasi una risposta a quelle critiche – evidentemente più generali e non circoscritte solo a questa testata – visto che presenta 10 brani di quell’album remixati da Dj assai popolari soprattutto sulla scena romana. Il risultato è diametralmente opposto a quello offerto in precedenza dall’album, e offre uno spaccato vario e a tratti entusiasmante – basti citare l’iniziale “Va tutto bene” – di ritmi e suoni, inseriti con diverso spirito e impronta dai vari Dj, regalando a “Banditi 2000” quello spessore che l’album metteva già in mostra al primo ascolto, lo scorso anno. Un’operazione doppiamente fortunata, quindi, perché permette di rimettere in gioco un album che, nonostante fosse riuscito a far parlare di sé grazie al trittico di video dedicati ad altrettante canzoni e firmati dai Manetti Bros. (Britti, Piotta, il film “Torino boys”), sul versante musicale non aveva scucito molti di più dei soliti e generici attestati di stima ‘etica’ che spesso nascondono una discreta noncuranza per lo specifico del disco. E così gli Assalti rovesciano le critiche in elogi e con questa versione remix di “Banditi” ci regalano uno degli album più intensi e magnetici dell’intera stagione hip hop italiana. Ascoltate “Va tutto bene”, “Banditi”, “L’agguato”, “Nel tempo dell’attesa”: tanti attestati di talento in sano hip hop capitolino. Massimo rispetto e, questa volta, anche grande musica.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.