50 Cent risarcisce un paparazzo

50 Cent risarcisce un paparazzo

50 Cent dovrà risarcire un paparazzo.

Il rapper, trascinato in tribunale da Jim Alcorn (fotografo del New York Post), ha perso la causa riferita all’incidente del’agosto 2003, quando le sue guardie del corpo usarono la forza per evitare scatti fotografici. 50 Cent usciva da una gioielleria di Manhattan dopo aver comprato un orologio da 18mila dollari, quando Alcorn provava ad immortalare quel momento, ma invece veniva bloccato e colpito più volte dagli uomini al servizio del rapper. Nel dicembre 2004, Alcorn aveva chiesto un risarcimento di 21 milioni di dollari per le gravi lesioni riportate e il trauma psicologico subìto. La vicenda giudiziaria si è ora conclusa con un accordo tra le parti, ma la cifra pagata da 50 Cent al fotografo non è stata resa nota. Tuttavia, la parte lesa si è detta molto soddisfatta di quanto ricevuto.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.