Alicia Keys, la Superwoman: 'Ho solo imparato a star bene con me stessa'

Alicia Keys, la Superwoman: 'Ho solo imparato a star bene con me stessa'
Bellissima, bravissima, efficientissima. Una "Superwoman", come canta in una canzone del suo nuovo album "As I am" (in uscita il 9 novembre)? Macché: "Non fraintendete il senso della canzone, io l'ho concepita come un incoraggiamento a chi super non si sente per niente. A tutti capita di sentirsi giù, prima o poi. E invece non dobbiamo dimenticare che anche quando la nostra vita è un casino abbiamo dalla nostra bellezza, forza, energia. Essere una superdonna, per me, vuol dire semplicemente star bene nella propria pelle". Difficile immaginarlo, ma pure lei, la donna d'ebano e di platino che colleziona hits e Grammy Awards a grappolo, ha vissuto i suoi tormenti. "Mi ero sovraccaricata di lavoro, ecco la verità. Non fossero bastati impegni promozionali e tournée, mi sono fatta anche tentare dal cinema. Ero esausta e, una volta tornata a casa, ho dovuto fare i conti con una grave malattia in famiglia. Ho dovuto imparare la lezione, a quel punto le mie priorità sono cambiate: per un po' non ne ho più voluto sapere di viaggi e neanche di musica. Ne ho anche approfittato per fare un po' di pulizia nelle mie relazioni private e professionali perché qualcuna non era più salutare. Ho imparato a essere me stessa, inutile far finta di essere serena ed equilibrata quando dentro di te si agita una tempesta. Ho cambiato anche il mio modo di apparire, è vero: ma dovete ricordare che agli inizi arrivavo direttamente dalle strade di New York, quel look aggressivo serviva a proteggermi e a nascondere le mie insicurezze". Così, spiega, il nuovo disco è il risultato di tutte queste nuove esperienze: "Riflette i cambiamenti avvenuti nella mia persona, per questo si intitola 'As I am'. Tra un paio d'anni sicuramente sarò diversa da oggi".
E rieccola pronta a tuffarsi nella giostra del music business, cosciente che intorno a una come lei girano aspettative industriali non da poco. "Se mi faccio condizionare dai meccanismi industriali? Certo che no. Un conto è la promozione, che fa parte del gioco. Ma quando scrivo e compongo musica tutto questo non esiste. Me ne sto lontana da tutto e da tutti, rinchiusa in un mio bozzolo senza distrazioni e interferenze esterne. Per esprimere creativamente quel che sono devo avere la situazione sotto controllo al 175 %. Così anche nella scelta dei collaboratori, sono io che ho voluto scrivere canzoni con Linda Perry e con John Mayer, stavolta. Dite che il disco suona più rock dei precedenti? Non so, per me la musica è musica e le etichette non contano. Un giorno, al pianoforte, mi sono messa a suonare accordi di Chopin senza melodia e ho pensato: ehi, ma sembra di sentire Stevie Wonder! Mi sono accorta che nella musica non esistono divisioni di genere. Conta solo l'emozione, il feeling e io mi voglio sentire libera di sperimentare con tutti gli stili che mi suscitano emozione e mi fanno sentir bene". Lo stesso rigoroso controllo, assicura Alicia, lo esercita anche sul funzionamento delle sue numerose iniziative benefiche: "Sono coinvolta direttamente in tre organizzazioni, a capo delle quali ci sono persone che conosco bene e di cui mi fido. Conosco bene i flussi di denaro in entrata e in uscita, fare le cose senza sapere che cosa succede non è nel mio stile. I due viaggi che ho fatto in Africa, il primo in Kenya, Uganda e Sud Africa, il secondo in Egitto, sono stati per me una fonte di ispirazione: mi hanno ulteriormente convinto di come il genere umano sappia sopportare ogni genere di avversità e costruire cose meravigliose col solo aiuto delle proprie mani. E a a Durban, in Sud Africa, abbiamo già ottenuto dei risultati concreti, finanziando la costruzione di un ospedale, un reparto pediatrico e un orfanotrofio. A una serata organizzata da Keep A Child Alive, l'ente che lavora per garantire medicinali a famiglie e bambini colpiti dal virus dell'HIV, doveva intervenire giovedì scorso anche Bob Dylan. Purtroppo gli impegni del suo calendario glielo hanno impedito: avrei voluto finalmente chiedergli cosa aveva in mente, quando mi ha citato in una sua canzone!".
Va bene che è giovane (27 anni), ma dove troverà tutta quella energia? Deve averne una scorta di riserva, se oltre a incidere dischi e a suonare dal vivo trova il tempo di fare film ("il mio modello è Barbra Streisand, che ha saputo essere credibile e spontanea tanto come cantante che come attrice"), di produrre serial tv come "Zora" ("Il tema del razzismo strisciante, che fa da sfondo al racconto, è una cosa che io ho vissuto solo superficialmente. A New York c'è una tale mescolanza di razze che non ci si fa quasi caso, ma altrove in America gli stereotipi e il razzismo esistono eccome"), di progettare uno o più musical: "Li adoro e adoro Broadway, è stupendo poter raccontare una storia con le canzoni. Ho delle idee in proposito che desidero realizzare a breve termine". Si butterà magari anche in politica, a sostegno di qualche candidato? "No, almeno per ora. Sono contento che siano in lizza Barack Obama e Hillary Clinton, ma prima di appoggiare pubblicamente qualcuno vorrei saperne di più sui loro programmi. Sicuramente l'America è pronta per il cambiamento, perché oggi il governo della Casa Bianca fa schifo. Sull'album c'è una canzone a cui tengo molto, 'Go ahead', che affronta proprio questo tema: sotto le spoglie di una relazione personale in realtà parlo della sorte del mio paese, che ovviamente mi sta molto a cuore". Anche per l'Italia, dice, nutre un affetto speciale: merito anche del vincolo di sangue, dal momento che i nonni materni erano siciliani. "La vostra lingua, insieme a quella spagnola, è la più musicale che ci sia. Prima o poi cercherò di cantare un brano intero in italiano". Magari il 29 marzo prossimo al DatchForum di Assago, sede del suo prossimo concerto nella penisola?
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.