Rock Targato Italia: bene anche la seconda serata, ma il pubblico dov’è?

Sarà anche vero che ci sono i Mondiali, sarà anche vero che Milano in questi giorni offre ogni tipo di concerto e situazione (dall’Adidas Streetball Challenge al Festival Latinoamericano, tanto per citarne due), ma la mancanza di pubblico al parco Acquatica in occasione delle finali nazionali della X° edizione di Rock Targato Italia rimane inspiegabile. Passi lo scarso interesse della gente per le proposte di gruppi sconosciuti, ma forse la cattiva comunicazione dell’evento sta facendo dei danni superiori alle aspettative, e di certo un ingresso a 10.000 lire non incoraggia i curiosi. Un vero peccato, tanto più che sotto il tendone di Aquatica in queste sere sfilano gruppi veramente validi e ospiti altrettanto importanti: la serata di venerdì 26 giugno, ad esempio, ha proposto le esibizioni degli Zea Mays, Eta Beta, Sroncocobus ed Electra. I primi sono risultati essere un buon gruppo rock, forse un po’ troppo concettuale soprattutto dal punto di vista dei testi, ma dotato di una discreta presenza scenica e di una buona tecnica. Meglio gli Eta Beta, sicuramente più aggressivi ma accessoriati di una musica di maggiore impatto, anche se a volte manca il sostegno di testi all’altezza. Un discorso a parte meritano i reggiani Sdroncocobus, che si presentano sul palco come se fossero la parodia dei Guns’nRoses, e finiscono per essere un incrocio tra Spinal Tap e Elio e le Storie Tese. Volgari, provinciali, farneticanti, dicono allo scarso pubblico frasi da antologia come "Non abbiate paura, questo è rock’n’roll" e alla fine dell’esibizione "Abbiamo già vinto". Risultato: sono dei cialtroni ma simpatici, almeno sdrammatizzano le band tutte ‘dolore e tormenti esistenziali’ che di solito impazzano in queste rassegne. Come i successivi "Electra", molto bravi nel proporre con una certa leggerezza musicale i tormenti dell’Artista: "Pulminorio" e "Presente Assente" sono due ottimi brani, che lasciano ben sperare per il futuro. Seguono gli ospiti, e si tratta di due band, i Systembolaget - ottimi e grintosi nella loro esibizione, rock nervoso e d’impatto, se proprio si dovesse trovar loro un difetto gli suggeriremmo di cambiare nome - e i Diaframma di Federico Fiumani, come dire un pezzo di storia del rock anni ’80 (ma attuale ancora adesso). Parafrasando il titolo di un famoso brano del gruppo, potremmo dire che i Diaframma si sono esibiti "In perfetta solitudine", visto che c’erano le solite cinquanta persone ad assistere al loro set, ma è pur vero che quei cinquanta erano fans doc del gruppo fiorentino e così il clamore suscitato era decisamente bastevole. Grande entusiasmo per una scaletta fatta a braccio, con Fiumani - uno dei più grossi talenti musicali italiani rimasti al margine della scena ‘mainstream’ per motivi che cercare di individuare sarebbe sin troppo difficoltoso - teso a ricordare momenti storici come "Caldo", "Manca l’acqua", "Gennaio", "Diamante Grezzo" e a presentare un nuovo brano, intitolato "Agosto", singolo anticipazione di un nuovo album la cui uscita è prevista per settembre prossimo. Un grandissimo concerto, molto emozionante, che ha chiuso la serata in crescendo. L’appuntamento è per la serata di sabato 27 giugno con le esibizioni di Marylineiguai, Link, Skew, Arivo e le presenze, in qualità di ospiti, dei Majora, Sutura e Bandabardò.

Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.