E’ successo nel 2006: 22 settembre

Chuck D: 'La musica sul cellulare è democrazia, alla faccia delle major' (22 settembre 2006)

Perché estromettere a priori il pubblico dei quarantenni e cinquantenni dal mercato della “mobile music” sul cellulare? Dal palco della conferenza Mobile Content World di Londra, l’eminenza grigia dei Public Enemy che oggi gestisce un’iniziativa imprenditoriale nel settore (Chuck D Mobile) ha spiegato di pensarla altrimenti, tanto da aver deciso di mettere a disposizione del pubblico “adulto” un catalogo di suonerie e ringback tones ricco di artisti hip hop della prima ora come MC Lyte, Mos Def e Jazzy Jeff e di veterani della scena “black” come George Clinton, Bootsy Collins e i giamaicani Sly & Robbie; contemporaneamente, il suo servizio è aperto anche ai giovani musicisti senza contratto che vogliano raggiungere direttamente chi possiede un telefonino senza passare da una casa discografica. Un approccio diverso dal solito al mercato emergente consentito, a suo dire, dalla miopia delle grandi società multinazionali che “piombano su ogni settore con una mentalità da corsa all’oro e la volontà di fare il colpaccio. Dovrebbero cominciare a pensare cosa è utile alla gente, non solo a come raggiungerne le tasche”.
“Il piccolo schermo (del cellulare)”, secondo Chuck D, “livella i valori in campo. Shawn Fanning, il fondatore di Napster, ha rivoluzionato il nostro modo di ascoltare musica, e ancora oggi non ottiene i riconoscimenti che si meriterebbe. La tecnologia può migliorare il mondo, se la si controlla invece di esserne controllati. L’integrazione con i telefoni cellulari è il prossimo passo”. Resta lo scoglio dei DRM, i software anticopia che limitano la possibilità, per il consumatore, di fare ciò che desidera dei prodotti digitali che ha regolarmente acquistato: “Bisognerà arrivare a un punto in cui il sistema funziona per tutti, mentre oggi a volte la gente non può neppure masterizzare o condividere i propri cd. La soluzione potrebbe consistere in un formato universale ma al momento si tratta di uno sbocco impossibile da realizzare”. E gli hacker che predispongono programmi di aggiramento delle protezioni, come il FairUse4WM che ha scassinato il DRM di Windows Media (vedi News)? “Davanti ai ribelli”, ha commentato Chuck D, “io mi tolgo sempre il cappello”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.