Guai per la linea d'abbigliamento di Beyoncé

Guai per la linea d'abbigliamento di Beyoncé
La "House of Dereon" di Beyoncé Knowles è finita in tribunale. La neonata linea d’abbigliamento è nei guai perchè la società Icon Entertainment, diretta da Greg Walker, si è rivolta alla Corte Suprema di New York per ricevere un risarcimento pari a un milione e mezzo di dollari. Walker accusa la “House of Dereon” di violazione degli obblighi contrattuali, in seguito al mancato pagamento delle sue prestazioni. Walker afferma d’essere stato ingaggiato da Tina Knowles (madre di Beyoncé) nell’agosto 2003, per assicurare i giusti agganci per l’avvio della casa di moda. Dopo la firma con la Wear Me Apparel Corp e con altri contatti cruciali (per un valore stimato di 15 milioni di dollari), Walker avrebbe ricevuto solo due pagamenti dalla Knowles, per un totale di 25.000 dollari.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.