Gavin DeGraw, ‘di Sanremo mi piace... il pesce’

Gavin DeGraw, ‘di Sanremo mi piace... il pesce’
29 anni appena compiuti, carino ma non troppo, ama la musica dei ’60 e dei ’70 molto più di quella di oggi. Ha registrato il suo disco di debutto a Los Angeles ma preferisce di gran lunga New York, la sua città d’adozione. Il singolo che intitola il suo primo album, “Chariot”, è stato programmatissimo dalle radio italiane.


Del tuo primo album hai fatto due versioni, a Sanremo canterai “Chariot” con l’orchestra: che effetto ti farà?
“Le due versioni dell’album sono una ‘elettrica’ di studio registrata a Los Angeles e una acustica registrata dal vivo in un localino di New York. L’arrangiamento orchestrale di ‘Chariot’ saà simile a quello che ho utilizzato in Danimarca qualche settimana fa in occasione di un altro spettacolo; mi diverte in questi casi giocare a fare un po’ il Nat King Cole, il Frank Sinatra, di solito sono accompagnato da quattro-cinque musicisti al massimo...”

Sei arrivato a Sanremo con un paio di giorni d’anticipo rispetto all’impegno televisivo: che impressione ti sei fatto del Festival?
“Non ci ho badato molto, al Festival, non l’ho nemmeno guardato in televisione; da quando sono qui ho pensato soprattutto al mare e alle pietanze di pesce!”

Il tuo amico Jesse McCartney, che è stato ospite ieri sera, non ti ha raccontato niente?
“Jesse è una persona deliziosa, un amante della musica e un ottimo cantante. Abbiamo suonato insieme durante uno show radiofonico a Kansas City. Le ragazzine lo adorano, gli tiravano i reggiseni sul palco. Io suonavo il pianoforte, e lui intanto ballava e dimenava il culo. Qui a Sanremo però non siamo riusciti a incrociarci. Peccato, sarà per un’altra volta...”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.