Un leone in testa alla classifica di "Billboard": successe 60 anni fa

La lunga storia di "The lion sleeps tonight"
Un leone in testa alla classifica di "Billboard": successe 60 anni fa

Nell'estate del 1959 Phil Margo suonava il pianoforte in un club sulle Catskills. In autunno, tornato a casa, a Brooklyn, cominciò a scrivere canzoni con due amici, Hank Medress e Jay Siegal, che militavano in un gruppo di nome Daryl and the Oxfords. Nel gruppo entrò poi l'allora dodicenne Phil, come corista. 
A luglio del 1960 Phil, Hank e Mitch scrissero "Tonight I fell in love", la fecero cantare a Jay e la diedero da pubblicare a Morty Kraft dell'etichetta Warwick. Avendo bisogno di un nome da mettere sull'etichetta del disco scelsero di chiamarsi Tokens, come il gruppo scolastico nel quale Hank aveva militato insieme a Neil Sedaka.

"Tonight I fell in love" arrivò fino al quindicesimo posto in classifica, e i Tokens furono portati alla RCA dalla coppia di produttori Hugo Peretti e Luigi Creatore. Al provino cantarono una canzone sudafricana, "Wimoweh", che avevano sentito in un disco di Miriam Makeba dell'anno prima, cantata in lingua Zulu.

Hugo e Luigi decisero di scrivere un nuovo testo per il brano, che venne registrato dai Tokens col titolo "The lion sleeps tonight". Il 45 giri fu pubblicato il 17 ottobre, e sull'altro lato aveva "Tina", che le radio iniziarono tiepidamente a programmare. Ma Dick Smith, DJ della radio WORC di Worchester, nel Massachussets, scelse invece di trasmettere l'altra facciata, "The lion sleeps tonight", che nel giro di poche settimane cominciò a scalare la classifica di "Billboard", e raggiunse il primo posto rimanendovi per le tre settimane centrali del dicembre 1961, per essere poi spodestata dal ritorno in vetta di "The twist" di Chubby Checker - che era stata al primo posto più di un anno prima.

I Tokens non ebbero altri successi, se si esclude un numero 30 in classifica con una versione ammorbidita di "In the midnight hour" di Wilson Pickett; si dedicarono invece principalmente alla produzione di altri artisti come le Chiffons, gli Happenings, Dawn e Robert John, il quale nel 1972 andò al numero tre delle charts con una sua versione di "The lion sleeps tonight".

Se i Tokens sono (quasi) dimenticati, "The lion sleeps tonight" è diventata un evergreen: è stata reincisa da decine di artisti, da Brian Eno nel 1975

ai R.E.M. nel 1993

ed è stata inclusa nella colonna sonora di "Il re leone" della Disney nel 1994

Fu forse proprio a seguito della nuova popolarità acquisita dal brano che nel 2000 il giornalista sudafricano Rian Malan scrisse un articolo in cui raccontava la vera nascita della canzone, avvenuta nel 1939. Quell'anno, un uomo di nome Solomon Linda inprovvisò davanti a un microfono una melodia di quindici note che venne trasferita su disco con il titolo "Mbube", che in Zulu significa "Un leone".

Solomon Linda, che cantava in un gruppo chiamato Evening Birds, lavorava come magazziniere in una etichetta discografica di Johannesburg, in Sudafrica, di proprietà di un immigrante italiano, Eric Gallo (si chiamava Gallo Record Company), e fu nel piccolo studio di registrazione dell'etichetta che nel 1951 Solomon Linda cantò quel motivo, che poi fu pubblicato a nome Evening Birds con il titolo "Mbube"; Linda vendette a Gallo i diritti della canzone per 10 scellini, meno di due dollari. Il disco uscì nel 1952 e vendette, in Sudafrica, centomila copie.

Una copia in qualche modo arrivò negli Stati Uniti, e finì nelle mani del musicologo Alan Lomax, che la passò all'amico Pete Seeger, e il brano fu inciso su disco con il titolo "Wimoweh" da The Weavers and Gordon Jenkins and His Chorus and Orchestra. Pete Seeger, che faceva parte dei Weavers, copiò "Mbube" nota per nota, trasformando il titolo in "Wimoweh" per assonanza con la frase cantata in Zulu "Uyimbube", "tu sei un leone". La registrazione degli Weavers uscì con un'etichetta che come nome dell'autore indicava Paul Campbell. La versione dei Tokens accreditava invece il brano a Paul Campbell, Albert Stanton, Roy Ilene, George Weiss, Hugo Peretti e Luigi Creatore.


Nel 2004, con l'assistenza del governo del Sudafrica, gli eredi di Solomon Linda fecero causa alla Walt Disney per aver utilizzato la canzone nel film senza corrispondere loro le dovute royalties. La causa legale fu lunga e complessa, e si risolse con un accordo extragiudiziale secondo il quale "The lion sleeps tonight", o "Mbube", o "Wimoweh" veniva finalmente accreditata, come coautore, al suo compositore; gli eredi di Solomon Linda cominciarono da allora a ricevere le royalties dovute al capofamiglia.
Il quale purtroppo era morto nel 1962, povero e malato di insufficienza renale.
Giustizia era stata fatta, benché tardiva.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.