Paul McCartney, lo sgranocchiaverdure (ascoltalo...)

I featuring masticatori dell'ex Beatles
Paul McCartney, lo sgranocchiaverdure (ascoltalo...)
Credits: Mary McCartney

Vuole una leggenda, mai confermata ma mai nemmeno del tutto smentita, che il 10 aprile del 1967 Paul McCartney, in viaggio negli Stati Uniti, abbia fatto visita ai Beach Boys in studio di registrazione. La band di Brian Wilson stava lavorando a un brano intitolato "Vegetables" ("Vega-Tables"), destinato all'inclusione nell'album abortito "SMiLE". A titolo di partecipazione - quello che oggi si direbbe "featuring" - e considerando il titolo della canzone, McCartney avrebbe contribuito agli effetti sonori del brano sgranocchiando rumorosamente a ritmo un gambo di sedano.

Siete riusciti a sentirlo?
Probabilmente no.

Ebbene, essendo ormai ufficialmente investito del ruolo di sgranocchiaverdure, nel 2001 McCartney tornò ad esibirsi in queste vesti collaborando con i gallesi Super Furry Animals nella canzone "Receptacle For The Respectable", pubblicata nell'album "Rings Around The World".

Ma come andarono le cose?

Tutto cominciò alla cerimonia di consegna degli NME Awards del 2000. In quell'occasione, Cian Ciaran, il tastierista dei Super Furry Animals, abbastanza brillo, si ritrovò nel bagno delgi uomini vicino a Paul McCartney, e i due attaccarono bottone. La conversazione proseguì fuori dal bagno, e prima della fine della serata Ciaran era riuscito a convincere McCartney a permettere ai Super Furry Animals di remixare alcuni brani inediti dei Beatles.

"Due settimane dopo" racconta il cantante Gruff Rhys "ci arrivarono in ufficio a Cardiff quattro scatole con master tape originali dei Beatles. Campionammo le voci di John e Paul che chiacchieravano, facemmo dei loop della chitarra di George e della batteria di Ringo. Estremamente surreale"

Il prodotto delle manipolazioni dei Super Furry Animals vide la luce pochi mesi dopo nell'album sperimentale di McCartney "Liverpool Sound Collage", realizzato da Paul su richiesta dell'artista Peter Blake (quello che realizzò la copertina si "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band") per una mostra alla Tate Gallery di Londra. Due brani di quel CD, infatti, sono così accreditati:

"Peter Blake 2000" (Super Furry Animals, The Beatles)

"Free now" (Paul McCartney, The Beatles, Super Furry Animals"

Soddisfatto della prestazione della band, McCartney accettò in cambio di partecipare alle registrazioni dell'album "Rings around the world". Ci furono però molti problemi per fissare una data.

"Era continuamente in giro, sfilate di moda a Parigi e roba del genere" ricorda Rhys "e continuava a rimandare gli appuntamenti. E poi c'erano continuamente problemi di security. Era come cercare di fare un disco con il Papa".

Quando finalmente McCartney arrivò in studio, i Super Furry Animals non gli chiesero di suonare il basso o di cantare, ma di replicare la leggendaria prestazione masticatoria già svolta a favore dei Beach Boys. E gli chiesero di sgranocchiare, a ritmo, sedani e carote nella canzone “Receptacle for the Respectable". Cosa che McCartney accettò di buon grado di fare.

Siete riusciti a sentire McCartney che mastica?
Probabilmente no.

Ebbene, in occasione della ripubblicazione del loro album nel ventennale dell'uscita, i Super Furry Animals hanno reso pubblica la traccia isolata della registrazione di McCartney che sgranocchia verdure.

Eccola qui sotto: s'intitola "Maccapella Celery"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.