Noel Gallagher: "Ho odiato ogni singolo giorno del lockdown"

L'ex chitarrista degli Oasis racconta come ha trascorso il periodo bloccato in casa
Noel Gallagher: "Ho odiato ogni singolo giorno del lockdown"

Noel Gallagher ha dichiarato che il "più grande vantaggio" del lockdown causato dell'epidemia da coronavirus è stato il tempo che ha avuto a dispozione per scrivere nuove canzoni.

L'ex chitarrista degli Oasis, in un'intervista rilasciata a BBC Radio 6 Music, ha detto di avere "odiato ogni singolo giorno del lockdown" nel Regno Unito, pur ammettendo che lo stare bloccato in casa si è rivelato un bene dal punto di vista creativo perché gli ha dato la possibilità di dare forma alle sue idee e ai suoi appunti.



E' infatti durante il periodo del lockdown che è nato il nuovo album di Noel Gallagher "Back the Way We Came: Vol 1 (2011-2021)", che celebra i dieci anni della sua carriera solista e contiene i due inediti, "We're On Our Way Now” e “Flying On The Ground".



Questo il pensiero di Noel Gallagher per come l'ha espresso alla BBC: "Ho odiato ogni singolo giorno del lockdown e ciò che è stato fatto alla società, alle persone e ai bambini, è stato terribile.

Ma alla fine del 2019, quando tornai dalla fine del tour da Mumbai, prima della pandemia, mi ero comunque concesso tempo fino al 2023. Sono andato in tour, avevo due figli piccoli. Sono tornato e uno di loro ha un processo e l'altro indossa gioielli e mi chiamano 'bruv'. Ho detto a Sarah, 'Quanto tempo sono stato via?' E lei, 'Beh, troppo'. Io mi sentivo come, 'Ho bisogno di stare in giro per un po'', mi ero concesso un paio d'anni fuori. Poi è arrivata la pandemia e quello mi ha fatto finire queste canzoni che sono nel Best Of. Ho dato un'occhiata a tutto ciò che avevo in giro, canzoni che erano mezze finite, nuove idee e ho iniziato a darle una forma. Il vantaggio più grande è stato per la mia musica. Ho più canzoni che avrei avuto in tempi normali.".



Noel ha anche collaborato con altri artisti durante il lockdown, compreso il rapper britannico Dizzee Rascal, qualcosa che di solito non fa. Ed è rimasto deluso dal fatto che non tutte le canzoni che ha co-scritto siano state ancora pubblicate. "Ho co-scritto molte canzoni, ironia della sorte, nessuna delle quali sembra aver visto la luce del giorno. Ho fatto quella cosa con CamelPhat, che è uscita, ho fatto una cosa con Dizzee, che non è mai uscita. Ho fatto una cosa con Weller che non è mai stata finita. Ho fatto qualcosa con Imelda May che è uscita. Molte persone lo facevano, ho ricevuto tante email che dicevano, 'Ehi, non ho niente da fare, se non hai niente da fare dovremmo scrivere qualcosa'".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.