Banda Belzoni, un'opera rock

Un progetto guidato da Gigi Venegoni
Banda Belzoni, un'opera rock

Il chitarrista e compositore bergamasco Luigi "Gigi" Venegoni è stato un protagonista della scena prog-jazz italiana della metà degli anni Settanta, prima con gli Arti & Mestieri poi con i suoi Venegoni & Co.
Con i primi in quel periodo ha pubblicato "Tilt" e "Giro di valzer per domani", con i secondi "Rumore rosso" e "Sarabanda". L'attività di Venegoni & Co. è proseguita fino al 2017, data di pubblicazione di "Canvas", ma l'ultimo progetto, decisamente originale, del musicista si chiama La Banda Belzoni.

Giovanni Belzoni è stato un archeologo padovano vissuto a cavallo fra i Settecento e l'Ottocento, fra i pionieri dell'egittologia. Fu il primo a entrare nel tempio di Abu Simbel, scoprì l’ingresso per la piramide di Chefren e la tomba di Seti I (oggi chiamata “Tomba Belzoni”).
Ispirato da un libro che racconta la vita di Belzoni, scritto da Marco Zatterin ("Il gigante del Nilo"), Gigi Venegoni ha assemblato un gruppo di musicisti - Sandro Bellu, Mauro Mugiati, Sergio Ponti, Paul Mazzolini, Lino Vairetti e Fabio Zuffanti - scrivendo e registrando un'opera rock che racconta vita e opere di Belzoni, e da lui prende il nome - La Banda Belzoni.

Fra i brani dell'album c'è "La città perduta", che vede la partecipazione alla voce di Paul Mazzolini, più noto come Gazebo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.