La polemica sulle scarpe "sataniche" di Lil Nas X

La Nike ha fatto causa al collettivo che le ha create, assieme al rapper
La polemica sulle scarpe "sataniche" di Lil Nas X

Un paio di scarpe Nike, le famose AirMax, ma rivisitate e ribattezzate "Satan shoes": nel cuscinetto del modello del '97 - di solito vuoto e trasparente, è stato inserito dell'inchiostro rosso e una goccia di sangue umano. 666 esemplari numerati al costo di 1.000 dollari.
Sono queste le scarpe che stanno facendo parlare: si tratta di una produzione del collettivo MSCHF con il rapper Lil Nas X.

Il modello - non autorizzato dal brand - è una sorta di seguito delle Jesus Sneaker del 2019. Sono andate esaurite in pochi secondi, ma hanno creato una forte polemica. E soprattutto una causa legale da parte di Nike che ha intimato al collettivo di astenersi dal "produrre, trasportare, promuovere, pubblicizzare, distribuire o vendere qualsiasi prodotto (incluse le Satan Shoes, ma non solo) che abbia il marchio di Nike". Si legge nella dichiarazione dell'azienda

MSCHF sta facendo credere ai consumatori che Nike approvi o produca le Satan Shoes e la convinzione che siano scarpe autentiche fa sì che i clienti non vogliano acquistare più i nostri prodotti
 

Nike, però, non aveva fatto causa per le Jesus Shoes, e sembra avere agito per le numerose proteste e per l'indignazione nata sui social.  Ecco il post di lancio del modello.

Lil Nas X ha poi chiesto scusa con questo video, che in realtà è una sorta di spot per il suo ultimo singolo "MONTERO (Call Me By Your Name)”

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.