I Rage Against The Machine pubblicano il documentario ‘Killing In Thy Name’. VIDEO.

"Quello che segue è il racconto di eventi veri...", recita l'introduzione.

I Rage Against The Machine, in collaborazione con il collettivo internazionale di artisti The Ummah Chroma, hanno pubblicato un mini doc intitolato come la loro canzone più famosa: "Killing In Thy Name". Il film segue un insegnante mentre educa un gruppo di bambini piccoli sulla storia dell'oppressione negli Stati Uniti. "Quello che segue è un documento di eventi veri", si legge nell'introduzione di "Killing In Thy Name". “Il nostro scopo è che questo frammento sia una scala antincendio, una sorgente per la scoperta. Ricorda, i bambini guardano sempre", si legge ancora. 

"Mia madre [Mary Morello] è una donna bianca con una voce radicale", ha detto Tom Morello. "Per tre decenni è stata un'insegnante progressista in un liceo conservatore, ispirando gli studenti a sfidare il sistema - nelle sue azioni e parole ha sempre insegnato che il razzismo non deve mai essere ignorato e deve essere sempre affrontato", ha continuato. Il bassista Tim Commerford ha aggiunto: "Scrivere canzoni che abbiano qualcosa da dire su ciò che sta accadendo socialmente e politicamente non è una scelta per noi. È un obbligo. Voglio usare la musica come un'arma, fermando gli stupidi.  E ancora: "La musica non esisterebbe senza la politica", ha aggiunto il batterista Brad Wilk.

"Quando suoniamo in uno show, se qualcosa fa clic nella mente di un bambino del pubblico - avviando quel cambiamento, quel processo che prevede il pensare da soli - quello è il momento più potente che i Rage Against the Machine possono avere come band", ha proseguito. .La copertina del documentario raffigura una famosa foto di un uomo in piedi accanto ai teschi di circa 1,5 milioni di bisonti, che sono stati in parte massacrati per porre fine alla lotta per l'indipendenza dai nativi americani.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.