Genesis, la storia di "Ripples"

"A trick of the tail", il settimo album in studio dei Genesis, il primo senza Peter Gabriel, è uscito il 13 febbraio del 1976, 45 anni fa. Lo ripercorriamo canzone per canzone.
Genesis, la storia di "Ripples"

Brano prevalentemente acustico, opera di Mike con l’aiuto di Tony. Meravigliose chitarre a 12 corde imbastiscono il delicato tappeto su cui si appoggia la voce di Collins. Nella seconda strofa si sentono un’altra chitarra e anche un piano leggero, più evidente quando l’accordo va in diminuita. Nel ritornello, Phil raddoppia la voce e le chitarre sono suonate in funzione ritmica, ma si apprezzano anche la base di piano e un tamburello.
Dopo la ripetizione dell’intera struttura (cui adesso si aggiunge il basso) l’atmosfera si rabbuia per dar vita a un altro splendido strumentale di tipica marca Genesis: sotto un arpeggio cupo di pianoforte sovrapposto allo sfumare della 12 corde di Mike, l’elettrica risucchiata di Steve ricama superbe sonorità alla Robert Fripp, giocando col pedale del volume.

Dal secondo giro arriva anche un synth che suona in contrappunto con la chitarra. Poi, lentamente, introdotta dal charleston ecco la batteria.


A questo punto il solo di Steve si intreccia alle armonie di Tony e nel ripiego conclusivo, quando a dominare è il synth, le note di chitarra sono talmente descrittive da sembrare imploranti. Infine, tramite l’armonia più trionfale del sintetizzatore si arriva all’ultima strofa cantata, ora inspessita dalla batteria e dal piano, che enfatizza i passaggi con uno stesso accordo preso a tre ottave crescenti. Il brano sfuma con la ripetizione del ritornello e una linea solistica di Steve.
Se la musica è romantica, il testo è più che altro malinconico. Scritto da Rutherford, come ricorda Collins “riguarda lo scorrere del tempo e come tutti noi siamo destinati a cambiare fisicamente”.


Stranamente omessa nei concerti con Hackett, questa canzone entra in scaletta nei tour 1978 e 1980, con Daryl Stuermer alla chitarra, in versioni decisamente più lente. Dopo qualche anno di pausa, un breve estratto fa un’apparizione in qualche concerto del "Mama tour" (novembre 1983) all’interno del medley di "Eleventh Earl Of Mar". Con un abbassamento
di tonalità, la canzone viene infine ripescata per il reunion tour del 2007 in forma quasi integrale. Lo strumentale, infatti, è dimezzato e di minore intensità emotiva a causa della presenza della batteria continua di Chester Thompson fin dall’inizio.

Mario Giammetti

Il testo è tratto da "Genesis - Tutti gli album tutte le canzoni" di Mario Giammetti, pubblicato da Il Castello, per gentile concessione dell'editore.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/bp0iVp_-fwJvWupinyQVsP8vqjg=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/genesis-cover-alta.jpg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.