Jabra Elite 85h: la recensione

Abbiamo provato quelle che il New York Times definisce le "migliori cuffie Bluetooth": ottimo design ed eccellente rapporto qualità prezzo.
Jabra Elite 85h: la recensione

Da qualche anno, il marchio Jabra compare regolarmente nelle discussioni sulle migliori cuffie sul mercato, assieme ai nomi storici del settore audio consumer di fascia alta (Bose, Sony, Senheiser, Beats, B&O e compagnia). Addirittura ben tre modelli sono stati certificati come "migliori cuffie Bluetooth" da Wirecutter, stimato e rigoroso sito del New York Times dedicato ai test di prodotti di elettronica di consumo (e non solo).
Tra queste ci sono le Elite 85h, modello di punta del marchio assieme ai più recenti auricolari 85t. Il concorrente diretto di queste ultime sono gli AirPods Pro e le Sony WF-1000XM3, mentre le Elite 85h puntano alla più affollata fascia alta delle cuffione wireless con cancellazione attiva del rumore, come le Sony Sony WH-1000XM4, ma con un prezzo decisamente aggressivo rispetto alle concorrenti dirette. 
Le abbiamo provate per capire se sono effettivamente le "Best Bluetooth Wireless Headphones", come sostiene Wirecutter.

Il design
Le Jabra Elite 85h sono disponibile in 4 versioni: rame, blu e due nere (di cui una con finiture dorate). Sono leggermente più grandi  di alcuni concorrenti diretti e i materiali sono di qualità e piacevoli al tatto, soprattutto il tessuto (impermeabile) che ricopre all'esterno le cuffie in alcune parti. Vengono fornite con una custodia rigidia e sono ripiegabili e collassabili verso l'interno:  la trovata - davvero funzionale e intelligente - è che non hanno un tasto di accensione ma si spengono quando vengono ripiegate, così non vi dovete ricordare di fare altro.
Il padiglione destro funge da controllo, con tre tasti: niente sfioramento, quindi, ma tre punti dove fare pressione e sentire un click per controllare riproduzione, volume, chiamate. Sul bordo del padiglione destro è presente anche un tasto specifico per il controllo del microfono e dell'assistente vocale, la presa jack per usarle con il filo, la presa di ricarica (ovviamente USB-C), mentre sul padiglione sinistro c'è il tasto per controllare la cancellazione del rumore.
In generale, ottime finiture e facili da controllare con i tasti. Le dimensioni più grandi dei concorrenti comportani un po' di peso in più (che non si sente particolarmente durante l'uso, però).

L’uso e la batteria

Le Jabra, come tutte le cuffie avanzate, hanno un'app dedicata, "Sound +". Permette di gestire l'equalizzazione e attivare una funzione di localizzazione che ha due finalità: recuperare le cuffie in caso di smarrimento e, soprattutto, determinare il suono in base alla posizione. L'applicazione ha infatto la possibilità di impostare dei "momenti" che regolano l'uso della cancellazione del rumore o del filtro di trasparenza, denominato "Hear through", nonché attivare un "soundscape" rilassante (con rumore bianco, onde, pioggia, etc).
L'app però non controlla le connessioni bluetooth (fino ad 8 memorizzate, di cui due in contemporanea), e questo rende il pairing un po' meno comodo. Ottima invece la batteria: 36h dichiarate, che si ottengono in 2h e mezza di ricarica (ma in caso di emergenza in 15 min si ottengono subito 5h). Nella nostra esperienza, si finisce per caricare le cuffie una volta ogni qualche giorno anche con uso intensivo, perché la funzione di spegnimento con il collassamento del padiglione aiuta molto a preservare la batteria.

Suono, voce e cancellazione del rumore 

In questa categoria, le Jabra hanno due punti di grande forza e due un poco più deboli. La cancellazione del rumore è ottima, ma forse un poco meno efficiente delle parigrado Sony e Bose; Jabra eccelle invece nella funzione di far passare i rumori esterni per non isolare completamente l'ascoltatore: si chiama "Hear through" e offre un suono ambientale pulito e trasparente, migliore delle Sony - una funzione molto comoda durante le chiamate al telefono, per sentire meglio la propria voce.
Nel reparto voce, le Jabra sono imbattibili: hanno ben 8 microfoni e il risultato è la miglior esperienza di conversazione con cuffie di questo settore. Non è da poco, visto che questo genere di cuffie sono tendenzialmente deboli quando si parla al telefono: con le Jabra Elite 85h, nella mia prova, non ho mai sentito i miei interlocutori lamentarsi con il classico "ti sento male" che è frequente quando si usano le cuffione.
Certo, queste cuffie si prendono soprattutto per ascoltare musica e isolarsi: le Jabra Elite 85h hanno un ottimo suono; è leggermente meno definito nei dettagli e sui medi rispetto alle Sony, e un poco più tendente ai bassi - ma si tratta di differenze minime che noterà solo chi paragona cuffie diverse. Il consiglio è comunque di regolare un po' il suono con l'equalizzatore: personalmente non sono un grande amante dei bassi, e usando nell'app un pre-set "aumenta acuti" suonavano adatte ai miei gusti.

Il verdetto - vale la pena?

Se siete alla ricerca di un paio di cuffie isolanti con cancellazione del rumore, le Jabra Elite 85h sono sicuramente tra le migliori in circolazione e hanno in più rispettio alle concorrenti un rapporto qualità prezzo davvero notevole. A listino costano è di 250€, già sensibilmente più basso delle concorrenti (tutte abbondatemente sopra i 300€), ma su Amazon si trovano facilmente a meno di 200€.
Per questa fascia di prezzo sono imbattibili: hanno tutte le caratteristiche dei concorrenti (alcune anche in più, come lo spegnimento con il collasso) e un suono di alto livello. 

VOTO: 4/5

PRO:  Costano decisamente meno delle concorrenti senza rinuciare a nulla: design di ottimo livello,  suono ottimo e voce eccellente.

CONTRO: Leggermente più ingombranti e pesanti delle concorrenti, il pairing non è sempre semplicissimo.

PROVATE ASCOLTANDO:  Bruce Springsteen, "Letter to you"; Faithless, "All blessed", Keith Jarrett, "Budapest concerr".

Music Biz Cafe Summer: piattaforme Web e diritti
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.