Federico Fiumani, l'intervista: dalla Siberia all’abisso... (pt. 1/2)

La parola al leader dei Diaframma, scrittore, poeta e grande amante del vinile.
Federico Fiumani, l'intervista: dalla Siberia all’abisso... (pt. 1/2)

LEGGI L'INTERVISTA A FEDERICO FIUMANI SU DEAGOSTINIVINYL.COM

La scuola fiorentina della new wave italiana sostanzialmente – perdonino il taglio con l’accetta i puristi più meticolosi – ha avuto due teste di ponte e testimonial fondamentali: i Litfiba di Pelù/Renzulli e i Diaframma di Fiumani. I primi hanno poi, sul finire degli anni Ottanta, optato per una svolta più mainstream e rockettara, mentre Federico ha preferito continuare a battere una strada personale, autoriale e all’insegna del rifiuto dei compromessi.

Dal 1980 (anno di formazione dei Diaframma) a oggi Fiumani ha inciso e pubblicato tanti dischi in tutti i formati, anche da solista. L’ultimo in ordine di tempo è L’abisso, uscito nel 2018, che ha raccolto molto favore di critica e pubblico. Abbiamo fatto quindi una chiacchierata col diretto interessato per fare il punto della situazione e parlare anche del nostro amato vinile…

Siamo su Vinyl per cui se ti va, per rompere il ghiaccio, parliamo un po’ proprio di vinile e dischi. Hai una collezione di album o l’hai avuta? Immagino di sì, come tutti i ragazzi che hanno iniziato ad appassionarsi alla musica negli anni Settanta-Ottanta…
Sì, certo che l’ho avuta, e in parte ce l’ho ancora. Alla fine degli anni Ottanta potevo vantare numeri considerevoli, diciamo almeno 3.000 LP. Poi con gli anni ho cominciato a venderli, all’inizio i pezzi pregiati agli amici e poi anche moltissimi altri, a un negozio che si chiama Contempo. Qualche altro centinaio li ho buttati via, i più schifosi, ammassandoli accanto al cassonetto… e dopo un’ora erano già spariti. Adesso ne avrò circa 700.

Cosa pensi del vinile come supporto, nel 2020? Ti piace ancora o lo trovi magari superato oppure inutilmente nostalgico?
Penso che sia un bene prezioso, e molte ristampe le ho comprate. Mi piacciono un doppio dei Big Star, per esempio, o la riedizione di Smile dei Beach Boys che aveva la copertina (raffigurante la vetrina di un negozio) in 3D. Purtroppo non l’ho comprata, perché troppo cara. Credo che sia senza dubbio superato, come supporto, ma che (soprattutto) per i nostalgici sia piacevole ricomprarsi i vecchi dischi per l’ennesima volta... è come riprovare per incanto le stesse emozioni del tempo che fu. Bobo Rondelli le definirebbe “emozioni da prima sega”.

CONTINUA A LEGGERE SU DEAGOSTINIVINYL.COM

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.