In rete spunta un pezzo di quando l'afroamericano morto dopo l'arresto faceva rap

Gli appassionati di hip hop omaggiano George Floyd ricordandone il passato da rapper.

Risale al 1996, ventiquattro anni fa.

Lo conoscono in pochi, se non altro perché fa parte di un disco considerato un piccolo cult di nicchia, un mixtape di DJ Screw, il disc-jockey statunitense (scomparso nel 2000) al quale si deve l'invenzione del genere chopped and screwed. Ed è proprio grazie a quei pochi che il pezzo, intitolato "Sitting on top of the World", "Seduto in cima al mondo", è rispuntato sul web nelle ultime ore, per omaggiare George Floyd ricordandone il passato da rapper. Il 46enne afroamericano che ha perso la vita lo scorso lunedì dopo essere stato amanettato e bloccato a terra da un poliziotto a Minneapolis negli Anni '90 contribuì a suo modo allo sviluppo del genere inventato da DJ Screw, con il quale collaborò negli Screwed Up Click, il collettivo di Houston capitanato proprio dal deejay. George Floyd prese parte ad alcuni esperimenti in studio del gruppo, rappando in alcuni mixtape pubblicati negli Anni '90, prima di incidere come Big Floyd ed entrare a far parte dei Presidential Playas (con loro pubblicò all'inizio degli anni Duemila l'album "Block party").

La notizia della morte dell'afroamericano è stata duramente commentata da Madonna , che ha ricondiviso sul suo account Instagram ufficiale il video integrale, girato da un testimone oculare, che immortala il poliziotto mentre tiene il ginocchio sul collo di George Floyd immobilizzato a terra ("I cannot breathe", dice l'uomo, chiedendo di poter respirare, prima di perdere conoscenza).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.