Del perchè Eric Clapton abbandonò gli Yardbirds

Dopo due anni trascorsi nella formazione inglese 'Slowhand' se ne andò...e venne sostituito da Jeff Beck.
Del perchè Eric Clapton abbandonò gli Yardbirds

Il 13 marzo 1965, oltre 55 anni fa, Eric Clapton – si era già guadagnato il soprannome 'Slowhand', mano lenta, che ancora gli rimane appiccicato – lasciava, dopo quasi due anni, gli Yardbirds e non aveva ancora compiuto vent'anni. Inutile girarci intorno, lui non era felice, e loro... nemmeno. Meno di un mese dopo, il 6 aprile 1966, era già in concerto a Londra con i Bluesbreakers di John Mayall.

Nel 1968 il chitarrista inglese dichiarava a Rolling Stone:

"Avevo suonato nel tempo libero con due gruppi amatoriali prima degli Yardbirds. Non sono rimasto con nessuna di quelle band per più di due settimane. Era più simile a una jam. Poi mi venne offerto un lavoro professionale dagli Yardbirds. (...) Sono stato con loro un anno e mezzo. Non erano troppo entusiasti di sapere che me ne sarei andato. La gente che lasciava i gruppi in quei giorni era malvista."

Nel periodo relativamente breve trascorso con la band di Keith Relf e Jim McCarty, si era fatto un nome dopo che gli Yardbirds sostituirono i Rolling Stones al leggendario Crawdaddy Club di Londra. Clapton e la band si stavano facendo un nome quando uscì il loro terzo singolo, "For Your Love". Ma quella canzone si rivelò il punto di non ritorno per Clapton. Se ne andò infatti prima della sua pubblicazione e non prese parte alla campagna promozionale del brano.

Caricamento video in corso Link

Il batterista Jim McCarty nel 2018 dichiarò alla testata AZ Central: "Mi piaceva perché era molto insolita. Era lunatica. Aveva le percussioni con i bonghi. Aveva il cambio di tempo nel mezzo. (...) Ho sempre saputo che sarebbe stata una grande canzone." E ammette che quella canzone contribuì ad allontanare Eric Clapton dalla band:

"Non gli piaceva il modo in cui stavamo virando verso il pop piuttosto che verso il blues. A quel tempo tutto ruotava attorno ai singoli di successo. Dovevi produrre un singolo di grande successo per stare al passo. E provammo altre cose. Abbiamo provato cose del nostro repertorio. Ma per qualche ragione non hanno mai suonato alla grande negli studi inglesi. Non hanno mai davvero avuto il suono che trovammo dopo quando registrammo ai Chess a Chicago e ai Sun a Memphis.”

Così mentre i suoi vecchi compagni di band esploravano nuova musica, Eric Clapton coglieva l'occasione per approfondire la musica del passato. Disse che quel che intendeva lo si può ascoltare in "I Wish You Would", il primo singolo degli Yardbirds:

"Ho suonato esattamente come Chuck Berry per sei o sette mesi.”

Caricamento video in corso Link

E continua ancora dicendo:

"Non avresti potuto vedere la differenza quando ero con gli Yardbirds. Poi mi sono appassionato ai bluesman più anziani. (...) Sono stato completamente sopraffatto da questo nuovo mondo. L'ho studiato e ascoltato, ci sono entrato e ci sono ritornato. (...) Quando ci sono rientrato, mi si è acceso B. B. King ed è stato così da allora. Continuo a pensare che non ci sia un chitarrista blues migliore al mondo di B. B. King."

Per la cronaca, gli Yardbirds sostituirono Eric Clapton con Jeff Beck, un altro prodigio della chitarra.

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
26 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.