Coronavirus: morto Matthew Seligman. Accompagnò David Bowie in questa leggendaria esibizione

Suo il basso di "Absolute beginners". Collaborò anche con Morrissey, Tori Amos, Stereo MC's e Sinead O'Connor.

Coronavirus: morto Matthew Seligman. Accompagnò David Bowie in questa leggendaria esibizione

Una quindicina di dischi incisi con varie formazioni (i più rilevanti, quelli pubblicati con i Soft Boys, band post-punk britannica che ispirò i R.E.M., i Flaming Lips e i Replacements) e poi collaborazioni con artisti del calibro di Morrissey, Tori Amos, Stereo MC's e Sinead O'Connor, senza dimenticare quella con David Bowie (che accompagnò anche sul palco del Live Aid nel 1985): il curriculum di Matthew Seligman era piuttosto lungo. Il bassista, morto ieri, venerdì 17 aprile, dopo aver lottato per alcuni giorni contro il coronavirus, aveva iniziato a fare musica alla fine degli Anni '70.

Caricamento video in corso Link
Tra le prime esperienze importanti di Seligman, la partecipazione (nel 1979) alle sessions dell'album "English garden" di Bruce Wooley e The Camera Club. Di quel disco faceva parte anche "Video killed the radio star", brano firmato dallo stesso Wooley, Trevor Horn e Geoff Downes, che immediatamente dopo sarebbe stato reinciso - e portato al successo - dai Buggles.

Caricamento video in corso Link
Subito dopo iniziò a suonare con i Soft Boys, che nel 1980 spedirono sul mercato l'album "Underwater moonlight": conobbe così Robyn Hitchcock (che nel gruppo suonava la chitarra), con il quale avrebbe collaborato negli anni successivi per gli album "Black snake diamond röle", "Groovy decay" e "Invisible Hitchcock". Sempre negli Anni '80 portò avanti la collaborazione con Thomas Dolby, conosciuto nei Camera Club (suonava le tastiere), per album come "The golden age of wireless", "Blinded by science" e "The flat Earth".

Caricamento video in corso Link
Nella seconda metà della decade iniziò a suonare con Bowie: dopo aver suonato il basso per l'iconico artista britannico in occasione della sua leggendaria esibizione al Live Aid del 1985 (sul palco del Wembley Stadium di Londra l'ex Duca Bianco cantò "TVC15", "Rebel rebel", "Modern love" e "Heroes"), partecipò anche alle registrazioni della colonna sonora del film fantastico "Labyrinth" (Bowie interpretava uno dei protagonisti). Sempre suo il basso di "Absolute beginners".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.