Lady Gaga, lavorare al nuovo album l'ha aiutata a gestire la depressione

La popstar statunitense svela qualche dettaglio sull’ideale seguito di ‘Joanne’ del 2016.
Lady Gaga, lavorare al nuovo album l'ha aiutata a gestire la depressione

Stefani Germanotta - che oggi, 28 febbraio, ha pubblicato il suo nuovo singolo “Stupid love” - ha raccontato qualche dettaglio sull’ideale seguito di “Joanne” del 2016 e ha spiegato come lavorare al nuovo l’album l’ha aiutata a gestire la depressione. Ospite del programma “New Music Daily with Zane Lowe” su Apple Music, Lady Gaga, parlando del processo di scrittura del suo sesto disco - il quale non ha ancora un titolo e una data di uscita - ha narrato la creazione della sua nuova canzone paragonata alla sua ultima fatica discografica.

“Questo è stato molto più simile a: ‘Sapete cosa, ragazzi? Si è scoperto che ho pianto per tre minuti e questo è ciò venuto fuori, e questo è quello che dovrebbe essere’”, ha detto la popstar statunitense. “Ed era così reale, come se - tutta la mia roba, le mie idee musicali, le mie riflessioni artistiche, il modo in cui vedo la musica e il vivere la musica come un muro del suono - tutto stava funzionando.” E ha aggiunto: “Mi ha fatto sentire così felice perché ho pensato tra me e me: ‘Wow, anche quando ti senti due metri sotto terra puoi dare il meglio’.”

Raccontando di quanto sia stato importante il coinvolgimento di altri autori e produttori nel lavoro sul suo album e sul singolo (prodotto da BloodPop, Tchami e Max Martin), Lady Gaga ha spiegato:

“Abbiamo registrato un sacco di dischi nel mio studio. Ho una casa dove si trova il vecchio studio di Frank Zappa, è una sala, un grande studio, è bellissimo. Stavo al piano di sopra, sotto il porticato, fuori dalla cucina, e BloodPop, saliva e mi diceva: ‘Ok, forza, fuori dalla veranda’, e io piangevo e dicevo: ‘Sono infelice, sono triste, sono depressa’, e lui aggiungeva: ‘Lo so e noi realizzeremo un po’ di nuova musica’. E poi sono andata di sotto e mi sono messa a scrivere, sai, ‘Stupid love’.”

Sottolineando come l’aiuto e l’amore ricevuto dai collaboratori, in particolar modo da BloodPop e Tchami, l’hanno ispirata a scrivere in modo più istintivo per la prima volta, Gaga ha detto: “Sai qual è stata la vera differenza? Non mi sono posta un sacco di domande. Non lo so, era così reale e onesto che, fondamentalmente scrivevo qualcosa e lo dicevo semplicemente e non mi ci volevano nemmeno quattro minuti per scriverlo e mi sentivo come: ‘Questo è quello che è’."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.