Zucchero concerti 2020: tutte le date

Zucchero concerti 2020: tutte le date

L’autunno 2020 promette di essere indimenticabile per Zucchero e i suoi numerosi fan. Il musicista di Roncocesi infatti, ha annunciato ben dodici concerti che si terranno in un’unica sede: l’Arena di Verona. Nella splendida cornice della storica venue sita nella città di Giulietta e Romeo, ‘Sugar’ si esibirà dal 22 settembre al 4 ottobre, prendendosi il solo 28 settembre – a metà cammino, dopo i primi sei live – quale giorno di riposo per ricaricare le batterie e rimettersi in forze.

I biglietti per i concerti di Zucchero sono disponibili alla vendita sul circuito TicketOne.

L’ultimo album pubblicato dal 64enne Adelmo Fornaciari - questo il nome registrato all’ufficio dell’anagrafe – è “D.O.C.” (leggi qui la nostra recensione), pubblicato nel novembre 2019. Prima di presentare il disco dal vivo al pubblico italiano, nelle dodici date previste alla Arena di Verona, Zucchero canterà le nuove canzoni dal prossimo di aprile, partendo dalla lontana Australia.

Dell’esperienza di esibirsi all’estero ha detto: “Quando vado in altri Stati rivendico il mio cantare in italiano amo il sound internazionale, ma non baratto la mia lingua. Quando gli artisti ‘stranieri’ vengono qui, li amiamo giustamente per il loro linguaggio: la stessa cosa deve avvenire quando un artista italiano viaggia in altre terre. Non avrebbe senso snaturarsi”.

Sulla struttura dei concerti targati 2020, ha dichiarato: "Tre ore di concerto, con una band che mi conosce da anni. Cambierò la scaletta di volta in volta, ma l’ossatura resterà la stessa: prima il nuovo album per intero, poi i classici che il pubblico vuole sentire. E qualche recupero strano, che magari piace solo a me."

Mentre sul disco dichiara: “Ho cercato di rinnovarmi, rimanendo me stesso. È sempre molto complicato, ma penso di esserci riuscito, nel disco parlo di genuinità e autenticità, in un mondo dove domina l’apparenza. Un mondo che mi preoccupa: fischi ai calciatori di colore, persone sotto scorta, quanto stiamo cadendo in basso? È necessario tornare all’impegno civile, il disco segue questa direzione”.

Nell’album è centrale il tema della libertà, e spiega: “Pensiamo di averla acquisita ormai, ma non è così basta guardare quello che sta succedendo intorno a noi. In un primo momento volevo chiamare questo disco “Tempi sospettosi” per fotografare al meglio quello che vedo. Non è più il periodo di giri e rigiri di parole. Le canzoni devono parlare chiaro”.

Scopri qui tutti i concerti del 2020

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.