Quel disco perduto dei Cult…

Fra "Love" ed "Electric", la band incise una manciata di pezzi che marcano la transizione del sound dalla psichedelia a un hard rock più muscolare. Ecco la storia
Quel disco perduto dei Cult…

È il disco dopo Love. dentro c’è “Love Removal Machine” e non è intitolato Electric. Confusi? Niente paura: stiamo parlando semplicemente di Peace, l’album “perduto” dei Cult.

Facciamo un rapido rewind per inquadrare il momento storico e respirarne le suggestioni. Quando, nel 1985, i Cult fanno uscire Love esplodono: “Rain” seduce l’Inghilterra e “She Sells Sanctuary” diventa un hit radiofonico negli Stati Uniti. Ma, come spesso accade, i momenti di maggior successo coincidono anche con le sbandate più destabilizzanti: e, infatti, già durante il tour di Love i Cult vacillano. Lo dimostrano alcuni dettagli stilistici: Ian Astbury da una lato abbandona i vezzi da gothic rocker e inzia a indossare cuoio e piume, mentre Billy Duffy – anche se mette ancora le camicie con gli sbuffi – tiene la chitarra quasi alle ginocchia, al modo di Johnny Thunders.

E proprio Thunders ci viene in aiuto con un aneddoto, per spiegare cosa stesse accadendo in seno ai Cult: esiste un bootleg in cui Johnny smette di suonare e si rivolge al pubblico con fare incazzoso. “Allora, cosa volete sentire? Roba hippy o roba elettrica?” [...]

CONTINUA A LEGGERE SU DEAGOSTINIVINYL.COM

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.