L'assistente e amico di Freddie Mercury boccia un sequel di "Bohemian Rhapsody"

Peter Freestone, assistente personale e e bodyguard del cantante spiega perché non avrebbe senso una seconda parte del film, nonostante il successo della prima
L'assistente e amico di Freddie Mercury boccia un sequel di "Bohemian Rhapsody"

La logica di Hollywood vuole che un film di successo abbia un sequel - ma se il film è un "bio-pic", una storia biografica, le cose si complicano. Così è per "Bohemian Rhapsody", una delle pellicole di maggior successo degli ultimi anni: lavorazione travagliata, regista cacciato a metà riprese, ma cifre da capogiro al manichino. Ma cosa si può ancora raccontare della vita di Freddie Mercury?

E' la domanda che viene regolarmente posta a persone che in un modo o nell'altro sono vicine ai Queen o sono state vicine a Freddie Mercury. E Peter Freestone è stato vicino davvero, al cantante: suo assistente personale e bodyguard dal '79 agli ultimi giorni (e consulente per la pellicola).
La  tesi di Freestone contro un ""Bohemian Rhapsody II" è ineccepibile: "Qualunque cosa decidano di raccontare, dovrebbero mostrare 20 minuti o mezz'ora della morte di Freddie. Non credo che nessuno debba vedere una cosa del genere. Anche se sono passati 28 anni continuno a ricordarmi quei momenti. E mi chiedo chi avrebbe bisogno di vederli su un grande schermo”.

Continua Freestone:

È un film fantastico. Deve esserlo, per tutti i premi che ha vinto. Comprendo le lamentele di alcuni fan dei Queen perché alcuni elementi della sequenza temporale sono stati cambiati, ma non guardo il film come una storia dall'inizio alla fine. Io guardo ciascuna scena da sola e vedo la verità in ogni scena. È molto ricamato, ma c'è un elemento di verità in ogni scena.

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.