Cinque inediti di Jeff Buckley cantati da The Niro: “ho trovato la pace”

Il cantautore romano presenta “The complete Jeff Buckley & Gary Lucas songbook”: “Suonare con Lucas vuol dire condividere un pezzo di storia immortale”
Cinque inediti di Jeff Buckley cantati da The Niro: “ho trovato la pace”

Chi ama Jeff Buckley, quando si trova davanti a cover o a nuove interpretazioni del genio risucchiato dalle acque del Wolf River all’età di trent’anni, si sente spesso, giustamente, pugnalato al cuore. “The complete Jeff Buckley & Gary Lucas songbook”, il nuovo album del cantautore romano The Niro, invece, contro ogni pronostico, ha il potere di tenere a bada fantasmi ingombranti e di aprire un tesoro: cinque brani mai registrati, scritti da Buckley e Lucas, trovano spazio nel disco, regalando visioni e pensieri del grande cantautore americano. I pezzi sono “No one must find you here”, “Story without words”, “In the cantina”, “Distortion” e “Bluebird blues”.

“In passato mi è stato chiesto di partecipare a tributi a Buckley perché mi è stata riconosciuta una sorta di somiglianza vocale, ma ho sempre rifiutato – racconta The Niro – per prima cosa perché di operazioni “raschia barile” su Buckley ce sono già state troppe e poi perché, nonostante ne riconosca la grandezza, non l’ho mai avuto come punto di riferimento. Con questi accostamenti pesanti poi, con il tempo, sono riuscito a fare i conti, e quando ho ascoltato gli inediti che mi ha mandato Lucas, rimanendo senza fiato, mi sono convinto a sposare il progetto”.

Il lavoro è composto, nella sua completezza, da dodici canzoni in cui Davide Combusti, questo il vero nome di The Niro, canta e suona insieme allo stesso Lucas, che con Buckley tra le altre ha composto le storiche “Grace e “Mojo Pin” (riproposte anche nel disco), accompagnati da Phil Spalding, bassista che ha collaborato con Mick Jagger ed Elton John, Maurizio Mariani, altro bassista, Puccio Panettieri alla batteria e Mattia Boschi al violoncello. Il produttore artistico è Francesco Arpino, la produzione esecutiva di Pierre Ruiz, per l’etichetta discografica Esordisco.

“Lucas mi ha contattato attraverso amicizie comuni, proponendomi questa idea – ricorda Combusti – mi ha raccontato come ha conosciuto Jeff, in occasione di un tributo al padre Tim Buckley, della loro scrittura insieme, della separazione e dell’addio ai Gods and Monsters da parte di Jeff. Gary Lucas è una persona che ha sofferto, non è mai riuscito a ricucire il rapporto con Buckley. Quello che mi ha convinto ad aderire al progetto sono stati gli inediti: si trova qualche video, qualche registrazione rubata, ma mai sono stati eseguiti con tutti i crismi. Sono canzoni meravigliose in cui Buckley racconta i suoi problemi relazionali con l’altro sesso e lo spettro di un padre, mai veramente conosciuto, aleggia sopra la musica. Lavorare con Lucas su queste e altre canzoni di Jeff è stato come abbracciare un pezzo di storia”. L’obiettivo numero uno? Non cadere nella trappola “carta-carbone”. “Tentare di copiare Buckley sarebbe stato un errore clamoroso perché non è possibile, abbiamo sudato sugli arrangiamenti – confida The Niro – solo un aspetto, fondamentale, ho cercato di seguire: la sua emotività. Anche io ho diversi problemi relazionali e ho ricostruito il rapporto con mio padre solo recentemente, per questo sono riuscito, in qualche modo, a fare miei quei pezzi straordinari. Mi hanno aiutato a fare pace con tanti aspetti della mia vita”. 

(Claudio Cabona)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.