Nick Cave risponde a un fan 'omofobo'

Il cantautore australiano risponde a una domanda 'poco corretta' postagli da una persona che adora la sua musica ma trova insopportabili i suoi fan.
Nick Cave risponde a un fan 'omofobo'

Nick Cave attraverso il suo sito The Red Hand Files ha un costante scambio di opinioni con i suoi fan.

Di recente ha risposto a un suo fan statunitense di nome George che gli ha chiesto: “Ti sei mai stancato di tutte le pretenziose e grasse lesbiche che amano la tua musica? Personalmente mi piace molto della tua musica, ma trovo insopportabile la maggior parte dei tuoi fan. Mi sto solo chiedendo se sei sulla stessa pagina”.

Il cantautore australiano ha risposto così: "Gesù disse sulla croce, 'Perdona loro perché non sanno quello che fanno'. George, penso che Gesù abbia parlato direttamente con te."

Per poi continuare: “Qualche settimana fa ho risposto a una domanda. Difendevo il diritto delle persone di dire quello che vogliono. Difendevo il diritto della gente di offendere. In breve, difendevo l'idea della libertà di espressione. Sembra che in questi giorni la libertà di parola sia caduta in disgrazia. Il concetto è stato polarizzato da alcuni e ora un sostenitore della libertà di parola è spesso visto - mi sento in qualche modo bizzarro - essere allineato all'estrema destra. Tuttavia, io credo che, anche se dovremmo avere il diritto di dire ciò che ci piace, ci sono conseguenze per quello che diciamo e solo perché possiamo parlare liberamente, non dovremmo inocularci contro queste conseguenze”.

E ancora: “Nell'interesse della libertà di espressione, George, ti ho fornito una piattaforma. Comunque, e sto speculando, penso che probabilmente il novantanove per cento delle persone che leggono la tua domanda penseranno che tu sia, beh, un po' uno stronzo. Potrei sbagliarmi. Potrebbe essere di più. Ora, potresti dire ‘E allora? Nessuno sa chi sono. Come può ferirmi questa cosa?’ Potresti dire questo. Ma avresti torto. Non credo che il tuo anonimato ti protegga, più di quanto io creda che l'anonimato dei trollatori di odio sui social media li protegga. Sento che esistono percorsi psichici tra tutti noi e che la negatività che creiamo alla fine ci si ritorce contro. L'opportunità di agire in un modo migliore è quella che ci viene continuamente offerta, per cercare di fare della prossima cosa che facciamo la cosa migliore, piuttosto che la cosa peggiore, la cosa distruttiva”.

E chiude: “In questo caso, George, non è troppo tardi per te. Se chiudi gli occhi e chiedi scusa ai miei fan, forse quell'attenzione negativa inizierà a dissiparsi. Penso che i miei fan siano abbastanza intelligenti e sufficientemente tolleranti da capire che le tue parole si estendono solo ai margini della tua evoluzione individuale”.

Dall'archivio di Rockol - "Red Right Hand" (da "Distant sky - Live in Copenaghen")
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
20 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.