NEWS   |   Pop/Rock / 22/02/2019

Cure, l’ex batterista Andy Anderson ha un cancro terminale

Cure, l’ex batterista Andy Anderson ha un cancro terminale

L’ex batterista della band post punk capitanata da Robert Smith Andy Anderson è affetto da un cancro terminale. A farlo sapere è stato lo stesso musicista, che in un post sul suo profilo Facebook ha scritto: “Ciao ragazzi, ho un cancro terminale allo stadio 4 e non c’è modo di tornare indietro, ricopre completamente la parte interna del mio corpo e io sono del tutto a posto e consapevole circa la mia situazione e ho deciso di non essere rianimato”, spiegando che questa eventualità comporterebbe possibili danni cerebrali e complicanze d’altro genere. Prosegue poi Anderson: “La chemioterapia e la radioterapia verranno discusse nei prossimi giorni e, fiduciosamente, potrò poi tornare a dirvi nei prossimi giorni il responso". Ecco il post completo del batterista:

Andy Anderson ha fatto parte dei Cure dal 1983 al 1984 dopo che il batterista Lol Tolhurst è passato alle tastiere tra le fila della band. Il suo contributo è presente nel quinto album in studio di Robert Smith e soci, “The Top”, e nei singoli “Japanese Whispers”, “Love Cats” e “The Caterpillar”. Alla band di “Boys Don’t Cry” il musicista è approdato dopo aver militato nel 1983 nel progetto solista del frontman dei Cure, con il sodale Steven Severin dei Siouxsie and the Banshees, battezzato The Glove, suonando la batteria nell’album “Blue Sunshine”. Dopo aver lasciato i Cure, sostituito da Boris Williams, Anderson ha poi prestato le sua bacchette a diversi altri artisti, incluso Iggy Pop.

I Cure celebreranno il trentesimo anniversario del loro ottavo disco, “Disintegration”, in Australia con quattro concerti previsti a maggio all’Opera House di Sydney, per poi imbarcarsi nel tour europeo che porterà la band anche dalla nostre parti il prossimo mese di giugno sul palco del Firenze Rocks del capoluogo fiorentino.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi