Addio a Giampiero Artegiani, scrisse “Perdere l’amore”. AUDIO / VIDEO

Addio a Giampiero Artegiani, scrisse “Perdere l’amore”. AUDIO / VIDEO

E’ scomparso dopo una lunga malattia Giampiero Artegiani, musicista romano (era nato il 14 maggio del 1955).
Aveva debuttato all’inizio degli anni Settanta nei Semiramis, gruppo di progressive rock il cui unico album è “Dedicato a Frazz” (della band era Michele Zarrillo), uscito nel 1973.

Caricamento video in corso Link

Dopo lo scioglimento del gruppo, Artegiani si dedicò ‘insegnamento della musicoterapia, nel contempo militando come cantante e chitarrista in un gruppo pop dalla vita breve, i Carillon (un paio di singoli per la EMI sul finire deglia nni Settanta, dei quali il più noto è “Miss Mondo”).

Caricamento video in corso Link

In seguito operò come cantautore, vincendo la sezione Giovani del “Disco per l’Estate” con la canzone “Il sogno di un buffone”; contenuta nell’album del 1982 intitolato “Giampiero Artegiani”.

Caricamento video in corso Link

Nel 1984 partecipò al Festival di Sanremo con la canzone "Acqua alta in piazza San Marco".

Caricamento video in corso Link

Dopo un singolo del 1985 intitolato “Arrivarono gli Americani”,

Caricamento video in corso Link

torna al Festival di Sanremo 1986 con “…e le rondini sfioravano il grano”, classificandosi al terzo posto dietro "Grande grande amore" (canzone vincitrice) interpretata da Lena Biolcati e "La nave va" cantata da Aleandro Baldi.

Caricamento video in corso Link

Nel 1989 pubblica l'album “Dopo il ponte”.

Caricamento video in corso Link

Dopo due 45 giri successivi a questo secondo album, Artegiani abbandona l'attività di cantautore dedicandosi a quella di produttore artistico e di autore e compositore per altri artisti (fra cui Franco Califano, Michele Zarrillo, Silvia Salemi, Maria Carta).
Per Califano scrive parecchie canzoni, fra cui “Buio e luna piena”:

Caricamento video in corso Link

Il grande successo come autore arriva nel 1988, quando scrive (insieme a Marcello Marrocchi) la canzone “Perdere l'amore”, con cui Massimo Ranieri vince il Festival di Sanremo.

Caricamento video in corso Link

La collaborazione con Ranieri continua negli album “Perdere l’amore e “Un giorno bellissimo” (1991), e prosegue fino al 1995 con “La vestaglia”, anch'essa presentata a Sanremo.

Caricamento video in corso Link

Per Peppino Di Capri Artegiani scrive “Comme è ddoce 'o mare”, che partecipa nel 1991 all'Eurofestival classificandosi al settimo posto.

Caricamento video in corso Link

Nel 1994 scrive e produce i brani dell'album “Le memorie della musica”, l'unico in lingua italiana dell’artista sarda Maria Carta.

Caricamento video in corso Link

Sempre nel '94, in occasione del Festival, Artegiani mette insieme 11 vecchie glorie della canzone italiana, come Nilla Pizzi, Mario Merola, Wess, Jimmy Fontana, e crea la "Squadra Italia". Questa formazione inedita partecipa al Festival di Sanremo con un brano scritto da Artegiani in collaborazione con Marcello Marrocchi: "Una vecchia canzone italiana".

Caricamento video in corso Link

A al Festival di Sanremo è legato il sodalizio con Silvia Salemi, per la quale scrive, arrangia e produce artisticamente tutti i suoi album. L'esordio avviene nel 1996 con “Quando il cuore” (quinto posto tra le Nuove Proposte), e si perfeziona l'anno seguente con la sua “A casa di Luca”.

Caricamento video in corso Link


Nel 2008 torna a collaborare con Michele Zarrillo, per il quale scrive “L’ultimo film insieme”, in gara al Festival di Sanremo di quell'anno.

Caricamento video in corso Link

In seguito continua la collaborazione come autore con Zarrillo, per gli album “Unici al mondo” e "Vivere e rinascere”.
Nel 2016 Giampiero Artegiani aveva riformato, con Paolo Faenza e Maurizio Zarrillo, i Semiramis, pubblicando un CD e DVD live, con riprese effettuate nel teatro La Claque di Genova.

 

Dall'archivio di Rockol - La dura vita della star: quando chi sta sul palco diventa un bersaglio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.