Cristina Scabbia, vent’anni di Lacuna Coil: “il successo non si costruisce in tv, ma sui palchi dove vita e musica coincidono”

Cristina Scabbia, vent’anni di Lacuna Coil: “il successo non si costruisce in tv, ma sui palchi dove vita e musica coincidono”

“Oggi molti giovani pensano che il successo televisivo sia reale, che arrivare in fondo a un talent sia un traguardo centrale per la propria carriera. Il successo invece si conquista su tutti i palchi, davanti alla gente”. Verità, da ribadire. Non significa essere pedanti, ma semmai consapevoli che la luce sorge dal buio. È così che il nastro dei ricordi di Cristina Scabbia, voce dei Lacuna Coil, si riavvolge fino agli esordi. Vent’anni di sacrifici, vent’anni che hanno portato la band a raggiungere vette inimmaginabili quando frequentavano garage e salette polverose. “Eravamo semplicemente dei ragazzi a caccia di un’opportunità, non c’era il web di oggi, non c’erano i social – spiega Scabbia – un nostro demo, da Quarto Oggiaro, finì nelle mani di un’etichetta tedesca. E ci ritrovammo ad avere la nostra chance: fare un disco. Piano piano ci siamo conquistati i fans. E se ripenso a quest’anno, al concerto celebrativo per il ventennale, a Londra, mi rendo conto di quanto quell’entusiasmo non sia mai venuto meno”. 

Il live dello scorso gennaio all’O2 Forum Kentish Town a Londra, da cui sono stati tratti anche un dvd e un cd, è la sintesi perfetta di quello che sono i Lacuna Coil oggi: una delle band italiane metal più famose al mondo. “Il concerto si è tenuto il 19 gennaio, la giornata mondiale dei Lacuna Coil, lo hanno stabilito i nostri fans ispirandosi alla canzone 1.19 – dice l’artista – non ci bastava suonare, volevamo lasciare un ricordo concreto. Cercare la location, studiare nel dettaglio lo show (a cui ha partecipato anche una compagnia circense di Bristol), fare prove pesanti e capire fino in fondo a che punto ci saremmo potuti spingere, sono state tutte azioni possibili perché siamo consapevoli di chi siamo e di quello che vogliamo. Nulla sarebbe stato realizzabile se i Lacuna Coil non avessero compiuto un preciso percorso. Da quel live memorabile sono poi arrivati gli altri, come quello recente di Milano. Abbiamo festeggiato un compleanno, a nostro modo”. 

Oltra a Scabbia, il gruppo oggi, dopo alcuni cambi di formazione, è formato da Andrea Ferro, Marco Coti Zelati, Ryan Blake Folden e da Diego Cavallotti. “I momenti più alti sono state le partecipazioni agli Ozzfest, con mostri sacri del metal – continua Scabbia – quando fai questo genere e vieni apprezzato anche negli Stati Uniti, vuol dire che hai davvero mosso qualche cosa. Ma mai abbiamo pensato di concentrarci solo su quel mercato: la nostra forza è proprio quella di essere europei, di avere delle radici precise che si notano anche nel nostro modo di fare musica”. 

Fame di conquistarsi palchi sempre più grandi, gavetta, identità e un immaginario preciso. Dal 1999, quando è uscito “In a Reverie”, fino all’ultimo “Delirium” del 2016, la formula magica non è cambiata. Idee della musica conciliabili con quelle di un talent? “Quando ho fatto la giudice per The Voice ho cercato di portare la mia visione della musica – conclude la cantante – ho incontrato diversi ragazzi: molti sono consapevoli che un talent non è un traguardo, ma solo un’occasione in più. Ma la maggior parte crede che il successo televisivo generi qualche cosa che rimarrà nel tempo. Aiuta, ma è un’ascesa labile, che si sgretola facilmente. Spesso chi esce dalla tv non è neppure preparato a una dimensione live, eppure talvolta viene buttato nei palazzetti, senza aver fatto alcuna esperienza. Gli artisti si formano quando musica e vita coincidono”. 

(Claudio Cabona)

Dall'archivio di Rockol - ‘Black anima’ è il libro nero delle debolezze umane
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.