NEWS   |   Pop/Rock / 23/10/2018

Rush: per Geddy Lee ci sono 'zero possibilità' di una reunion dal vivo

Rush: per Geddy Lee ci sono 'zero possibilità' di una reunion dal vivo

Il frontman dei veterani prog rocker canadesi Geddy Lee ha ribadito quanto già pubblicamente dichiarato in passato dal chitarrista della band di "Tom Sawyer" Alex Lifeson a proposito del futuro dei Rush, che nel 2015 hanno salutato il pubblico con un tour in nordamerica per celebrare i loro quarant'anni di attività: il gruppo, il cui ultimo album, "Clockwork Angels", è stato pubblicato nel 2012, non ha alcuna intenzione di tornare in attività.

"Non posso dirvi altro se non che non abbiamo alcun piano di tornare a suonare dal vivo", ha spiegato Lee all'edizione americana di Rolling Stone: "[Dall'ultimo tour] Siamo rimasti tutti molto in contatto gli uni con gli altri, ma non abbiamo mai parlato di lavoro. Siamo amici, e parliamo della vita come ne parlano gli amici. Ho paura di non poter aggiungere altro, al proposito".

La pietà tombale sulla carriera del gruppo di "Moving Pictures" non implica che i suoi membri intendano ritirarsi definitivamente dall'attività musicale: "Quello che voglio dire è che non ci sono possibilità di rivedere dal vivo i Rush come Alex, Geddy e Neil [Peart, ndr]. Ma potreste vedere in futuro, dal vivo, uno, due o tre di noi? Questo è possibile".

Il prossimo 4 dicembre verrà distribuito sui mercati angolofoni da Harper Collins "Geddy Lee’s Big Beautiful Book Of Bass", volume incentrato sul basso curato dall'artista classe 1963 che include intervista esclusive ad alcuni dei più celebri bassisti presenti sul panorama internazionale come John Paul Jones, Adam Clayton, Robert Trujillo, Bill Wyman, Les Claypool e Bob Daisley. Alla realizzazione del libro - di 400 pagine - ha collaborato anche il chitarrista, ex compagno di band e amico Alex Lifeson.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi