NEWS   |   Metal / 19/01/2018

Alex Lifeson: ‘I Rush non torneranno, siamo fondamentalmente finiti’

Alex Lifeson: ‘I Rush non torneranno, siamo fondamentalmente finiti’

Le voci che la scorsa estate volevano Geddy Lee e Alex Lifeson – basso e chitarra della la storica band canadese Rush - pronti a solcare nuovamente le scene cadono oggi davanti alle dichiarazioni di Lifeson, rilasciate al Globe and Mail. Spegnendo definitivamente le speranze dei fan, il chitarrista ha commentato così la possibilità di un ritorno della band:

Sono passati poco più di due anni da quando i Rush sono stati in tour l’ultima volta. Non abbiamo in mente di andare in tour o registrare più. Siamo fondamentalmente finiti. Dopo 41 anni, abbiamo sentito che era abbastanza.

Lifeson precisa, però, che lui e la sua chitarra non hanno nessuna intenzione di ritirarsi dall’attività, spiegando di essere coinvolto in diversi progetti:

Per la verità sono stato più impegnato ultimamente di quanto non lo sia stato da tempo. Sto scrivendo molto. Sto scrivendo per quattro o cinque diversi progetti. Ricevo queste richieste di fare lavori con la chitarra con altre persone. È davvero molto divertente per me.

Il chitarrista di Fernie, il cui ultimo album con i Rush, “Clockwork Angels”, risale al 2012, loda anche il sollievo di una situazione priva di forti pressioni, che gli permetterebbe di esprimere al meglio la sua creatività. “Posso lavorare un po’ fuori dagli schemi, che è molto attraente per me”, conclude il chitarrista.

Le indiscrezioni circa il ritorno all’attività dei Rush, pur senza poter contare sulla presenza del batterista Neil Peart, non erano in realtà mai state confermate dai due, ma questo non era bastato a estinguere le congetture di quanti un ritorno della band non hanno mai smesso di auspicarlo.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi