NEWS   |   Pop/Rock / 23/08/2018

Keith Moon (Who): 10 brani che ha reso speciali, con il suo stile unico (1 / 11)

Keith Moon (Who): 10 brani che ha reso speciali, con il suo stile unico

Avrebbe compiuto 72 anni oggi Moon The Loon - alias Keith John Moon - forse uno dei batteristi più iconici, spettacolari e personali che gli annali del rock registrano. Con i suoi numeri a volte circensi, ma sempre sorprendenti e folli, ha segnato profondamente tanto la musica degli Who, quanto l'immaginario popolare.

Musicista dallo stile eccentrico, personalissimo e inimitabile, era tormentato da un demone che lo ha spinto - fino al tragico epilogo - verso la china dell'autodistruzione: alcool, sostanze stupefacenti, donne, eccessi di ogni tipo (compreso shopping selvaggio insensato) erano all'ordine del giorno per lui, che pareva costantemente alla ricerca di una nuova pazzia da portare a termine.

Moon è mancato il 7 settembre del 1978 nel suo appartamento londinese (al numero 7 di Curzon Square (lo stesso luogo in cui, ironia della sorte, quattro anni prima era morta Cass Elliot dei The Mamas & The Papas. La causa del decesso è stata identificata in un'overdose da clometiazolo. Aveva compiuto 32 anni il 23 agosto (era del 1946).

Per ricordare Moon The Loon, abbiamo selezionato una serie di brani in cui viene esaltata la sua tecnica del tutto inimitabile, che ha reso così peculiare la musica degli Who.