Ry Cooder - la recensione di "THE PRODIGAL SON"

Ry Cooder - la recensione di "THE PRODIGAL SON"

Nel 2015, durante il tour con Ricky Skaggs, Ry Cooder ha ripreso vecchie canzoni imparate da ragazzo. Il figlio Joachim lo ha invitarlo a riprendere in mano quel repertorio e fare un disco semplice ma efficace, basato sulla sua voce e sulla sua chitarra. Si chiama “The prodigal son” ed è basato su cover di vecchi gospel e nuove canzoni. Cooder prende un patrimonio che il pubblico di massa considera irrilevante e lo usa per raccontare il nostro tempo. Nel 2018 il Demonio si nasconde nella gentrificazione.

È un suono soffiato e lievemente metallico, una pulsazione scura e misteriosa su cui poggia il canto. E non dovrebbe stare lì. La canzone è “Nobody’s fault but mine”, un gospel attribuito a Blind Willie Johnson entrato nel repertorio rock grazie ai Led Zeppelin. Quello strano suono è alieno a entrambe le tradizioni, ma nel nuovo album “The prodigal son” Ry Cooder ha deciso di prendere alcuni pezzi gospel e blues e rifarli in chiave lievemente diversa. Non sono canzoni particolarmente celebri e non sono scelte a caso: ridando voce a vecchi testi che parlano di integrità, tentazione, stranieri, amore e morte, il chitarrista californiano offre una bussola morale per questo tempo travagliato. “The prodigal son” è gospel per l’uomo moderno.

Leggi la recensione completa di "THE PRODIGAL SON" cliccando qui

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.