Tommy Lee (Motley Crue) picchiato dal figlio Brandon

Tommy Lee (Motley Crue) picchiato dal figlio Brandon

Nella giornata di ieri, il batterista dei Motley Crue, Tommy Lee, ha condiviso sul suo account Instagram una sua foto (subito rimossa) che lo raffigura con un labbro gonfio e sanguinante. Tommy Lee sostiene di essere stato colpito durante una lite domestica dal figlio ventunenne Brandon, il maggiore dei suoi due figli avuto con l'ex moglie Pamela Anderson.

Si leggeva nel post in commento alla foto:

Il mio cuore è spezzato. Puoi dare ai tuoi figli tutto ciò di cui hanno bisogno nella loro vita e loro ti si rivolteranno contro lo stesso... Bel lavoro, Brandon! Che gran bel figlio!

Secondo quanto riportato da TMZ, non è ancora chiaro cosa abbia scatenato la lite tra padre e figlio, ma una fonte collegata a Brandon sostiene che Tommy Lee fosse ubriaco e che Brandon si sia autodifeso colpendolo. Il figlio di Tommy Lee è stato comunque indagato per aggressione dopo che suo padre ha sporto denuncia alla polizia.

Brandon Lee sostiene di aver agito in difesa dell'onore della madre Pamela Anderson e che tutto quello che è accaduto è una conseguenza della dipendenza dall'alcohol del padre.

Infatti, approfondendo la vicenda, TMZ ha confermato che lo scontro tra Tommy Lee e il figlio Brandon è stato innescato da una conversazione avvenuta su Twitter tra il batterista dei Motley Crue e il giornalista e personaggio televisivo britannico Piers Morgan, che aveva recentemente intervistato Pamela Anderson, la quale sosteneva di aver subito degli abusi da parte di Lee.

Tommy ha twittato attaccando Pamela: "Penso che (Pamela) dovrebbe trovare qualcosa di nuovo da discutere invece di tirar fuori vecchie stronzate, ma immagino che non ha nient'altro da fare e ha bisogno di attenzione. Firmato, "The Abuser" (a cui lei scrive ogni giorno e chiede di tornare).

Piers Morgan ha risposto così: "Buongiorno Tommy! È bello sentirti. Non sono responsabile per quello che Pamela mi ha detto sul vostro matrimonio, quindi ti suggerisco di parlarne direttamente con lei...".

La risposta del batterista dei Motley Crue nei confronti di quanto riportato da TMZ non si è fatta aspettare. Scrive Tommy Lee sul suo profilo Twitter:

Hey TMZ prima di riportare falsità verifica i fatti. La mia fidanzata e io eravamo a letto quando mio figlio ha fatto irruzione nella camera e mi ha assalito. Gli ho intimato di andarsene e lui mi ha dato un cazzotto lasciandomi incosciente. Lui poi è scappato via dalla polizia

Il batterista dei Mötley Crüe sarebbe stato portato in ospedale per medicare le ferite. 

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.