Taylor Swift, ‘Shake It Off’ non viola il copyright: il giudice distrettuale accoglie la mozione per respingere la causa

Taylor Swift, ‘Shake It Off’ non viola il copyright: il giudice distrettuale accoglie la mozione per respingere la causa

La cantante della Pennsylvania era stata citata in giudizio lo scorso mese di settembre dagli autori Sean Hall e Nathan Butler in merito a una parte del testo della sua canzone “Shake It Off”, che i due denunciavano fosse troppo simile al brano da loro scritto e interpretato dalla band al femminile 3LW, “Playas Gon’ Play”, caso del quale vi avevamo già parlato qui.

Ora il giudice distrettuale Michael Fitzgerald ha accolto la mozione di Taylor Swift per respingere la causa. I due autori potranno, però, apportare delle modifiche alla denuncia presentata. Fitzgerald spiega come il fulcro della diatriba risieda nella possibilità o meno che la parte di testo citata possa beneficiare della protezione del copyright, visto che si tratta di frasi brevi e non dotate dell’originalità richiesta per la tutela del diritto d’autore. Motiva così il giudice:

La cultura popolare americana è fortemente radicata nel concetto di giocatori, nemici, e giocatori nemici… il concetto di attori che recitano in accordo con la loro essenza naturale non è per niente creativo; è banale.

La strofa della canzone di Swift contestata è questa: "Cause the players gonna play, play, play, play, play/ And the haters gonna hate, hate, hate, hate, hate / Baby, I’m just gonna shake, shake, shake, shake, shake I shake it off, I shake it off". L'accusa è che siano stati copiati dalla strofa di “Playas Gon’ Play” che recita "Playas, they gonna play/ And haters, they gonna hate/ Ballers, they gonna ball/ Shot callers, they gonna call".

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.