È morto Lando Fiorini

È morto Lando Fiorini

Lando Fiorini è morto. Il cantante si è spento oggi, sabato 9 dicembre, a Roma, la città che nel gennaio del 1938 gli aveva dato i natali e che lui aveva celebrato con le sue canzoni. Fiorini aveva 79 anni.

Vero nome Leopoldo, il cantante nacque nel rione di Trastevere, popolare quartiere della capitale, ultimo di otto figli. Venne affidato ad una famiglia di Modena, poi tornò a Roma e iniziò a lavorare: prima come barbiere, poi come riparatore di biciclette, poi come facchino ai Mercati Generali.

Spinto dai suoi amici a studiare canto e a sviluppare la bella voce, Fiorini partecipò ad un concorso per voci nuove a Jesi e nel 1961 partecipò al Cantagiro. Fu notato dal duo Garinei e Giovannini: i due commediografi gli affidarono il ruolo di cantastorie nella commedia musicale "Rugantino", per la quale interpretò la canzone "Ciumachella de Trastevere".

Seguirono alcune apparizioni in radio e in tv (nel 1972 registrò una serie televisiva in quattro puntate intitolata "Ciao, torno subito", e poi partecipò ad alcune trasmissioni televisive). Nel 1973 ottenne un discreto successo a "Canzonissima" con la canzone "Cento campane".

Tra gli altri suoi successi ricordiamo "Barcarolo romano" (presentata sempre a "Canzonissima", nel 1974) e "So' stato er primo a fatte dì de sì" (presentata invece a "Un disco per l'estate", nel 1975).

Nel 1994 Lando Fiorini partecipò anche al Festival di Sanremo come membro del gruppo Squadra Italia, da lui composto insieme a - tra gli altri - Rosanna Fratello, Wilma Goich, Manuela Villa e Nilla Pizzi. Il gruppo presentò in gara "Una vecchia canzone italiana".

Nel corso della sua carriera ha pubblicato ventisei dischi: il primo, "Rugantino", uscì nel 1963; l'ultimo, "Ti presento Roma mia", è uscito nel 2010.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.