Mick Jagger in segreto ha visitato a Firenze il David di Michelangelo

Mick Jagger in segreto ha visitato a Firenze il David di Michelangelo

Questa sera sarà sul palco a Lucca con i suoi Rolling Stones per onorare l’unica tappa italiana del loro ‘No Filter Tour’, ma ieri sera Mick Jagger, il frontman della band inglese, si è regalato una visita segreta di un’oretta alla Galleria dell’Accademia di Firenze dove è custodito, tra gli altri tesori, il David di Michelangelo.

Come riporta l’ANSA, a fargli da guida d'eccezione nelle sale deserte del museo, la direttrice dello stesso Cecilie Hollberg – GUARDA LA FOTO - che dice: "In particolare ha apprezzato, oltre al David e ai Prigioni, l'affresco di Giotto, il cassone Adimari dello Scheggia, che voluto osservare in tutti i dettagli, e la gipsoteca del Bartolini".

Jagger si è presentato al museo in scarpe da ginnastica, jeans scuri e camicia. Si è soffermato ad ammirare e fotografare con lo smartphone molte opere e si è entusiasmato per la ricchissima collezione di strumenti musicali antichi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.