Aldous Harding - la recensione di "PARTY"

Aldous Harding - la recensione di "PARTY"

Il folk ha trovato una nuova, grande voce. Si chiama Aldous Harding, è neozelandese, è arrivata al secondo album, è prodotta da John Parish, quello di PJ Harvey. E ha il potere di rendere la canzone folk di nuovo perturbante.

È il più banale dei versi: “If there is a party, will you wait for me?”. Lo dice la liceale innamorata, lo dice la ragazzina alle prese con i primi turbamenti amorosi. Lo canta Aldous Harding nel brano che dà il titolo al suo nuovo album, accompagnandosi con una chitarra con le corde di nylon elettrificata. Lo fa con un misto d’intensità malata e di candore infantile – altrove, nella stessa canzone, afferma di sentirsi come una dodicenne.

Leggi la recensione completa di "PARTY" cliccando qui

Scheda artista Tour&Concerti Testi
15 nov
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.