Liberato, il mistero continua: ecco perché

Liberato, il mistero continua: ecco perché

No, il "mistero Liberato" non è stato ancora svelato: l'identità della voce di "Nove maggio" e "Tu t'e scurdat' 'e me" continua a restare anonima. Lo scorso venerdì, il palco del MI AMI Festival di Milano avrebbe dovuto ospitare la prima esibizione pubblica di Liberato, ma di fronte al pubblico si sono presentati Calcutta (nella foto in alto), Priestess, Izi e Shablo: e per un attimo si è creduto che dietro al nome di Liberato ci fosse proprio un collettivo composto dai quattro. La notizia ha suscitato un dibattito sui social: da un lato chi sosteneva che Liberato fosse in realtà un progetto di Calcutta e compagni; dall'altro chi sosteneva che la comparsata dei quattro al MI AMI fosse solamente una trollata per "depistare" la ricerca della vera identità della voce di "Nove maggio". A Rockol risulta che Priestess, sebbene sia comparsa sul palco del MI AMI sulle note di "Nove maggio" e "Tu t'e scurdat' 'e me", non c'entri in realtà nulla con il progetto Liberato.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.