Bob Dylan - la recensione di "Triplicate"

Bob Dylan - la recensione di "Triplicate"

Bob Dylan porta a compimento la sua ricognizione del Grande Canzoniere Americano con un triplo in cui rifà 30 canzoni (di cui 29 già nel repertorio di Frank Sinatra) risalenti per lo più agli anni della Grande Depressione e della Seconda guerra mondiale. Sono canzoni realiste e anti-materialiste, avverte Dylan. Le riduce ai minimi termini, usando la pedal steel come un’orchestra in miniatura, per cantare di amori perduti e del tempo che passa.

Forse avremmo dovuto prestare più attenzione a quel che Bob Dylan scriveva nell’autobiografia: “Le canzoni di Woody Guthrie dominavano il mio universo (…) ma non potevo evadere dal dolceamaro, triste, intenso mondo di Harold Arlen”. Da una parte il capostipite dei folksinger che cantano l’America dei grandi speranze e delle grandi ingiustizie, dall’altra l’autore di “Over the rainbow”, “Stormy Weather” e altri capolavori del Great American Songbook. “Van Ronk sapeva cantare quelle canzoni. Anch’io, ma non mi sarei mai sognato di farlo. Non erano nel mio copione, non erano nel mio futuro”.

Il futuro può essere cambiato e l’uomo di Duluth l’ha fatto, prima pubblicando l’album di standard già nel repertorio di Frank Sinatra “Shadows in the night”, poi facendo il bis con “Fallen angels”, ora producendo “Triplicate”, triplo album che rappresenta il suo omaggio definitivo al Grande Canzoniere Americano. Neanche ai tempi di “Good as I been to you” e “World gone wrong”, dove pure giocava in casa con il folk e il blues, aveva dedicato tanta energia a un progetto di recupero di musiche del passato.

 

Leggi la recensione completa di "TRIPLICATE" cliccando qui

La storia di “The freewheelin’ Bob Dylan” di Bob Dylan
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.