NEWS   |   Italia / 12/02/2017

Sanremo 2017: i vincitori in sala stampa, Ermal Meta

Sanremo 2017: i vincitori in sala stampa, Ermal Meta

"Le mie impressioni non possono essere che positive: sono entrato da outsider e da outsider arrivare a calcare il podio è qualcosa di importante. Non me l'aspettavo, detto sinceramente: non mi aspettavo né il podio né il premio della critica": sono queste le impressioni a caldo di Ermal Meta, terzo classificato del Festival di Sanremo 2017 con la sua "Vietato morire" e vincitore del Premio della Critica Mia Martini assegnato dai giornalisti della sala stampa dell'Ariston.

Il cantautore, subito dopo la proclamazione del verdetto, ha raggiunto la sala stampa per rispondere alle domande dei giornalisti: "Vengono premiate le canzoni, al di là delle voci che le cantano: questo è il Festival delle canzoni, quindi il pubblico e le due giurie hanno ritenuto più valide queste canzoni rispetto alle altre. Non credo che ci sia in atto una rottamazione del Festival", dice, "la mia canzone è un invito ad amare la vita e gli altri e a fare quello che vuoi: il messaggio è quello della disobbedienza nei confronti di qualsiasi forma, in qualsiasi modo, l'imparare a capire che il momento giusto per dire no è adesso. Non voglio essere retorico: io racconto storie quando già le ho digerite e posso quindi condividerle in maniera personale".

Ermal Meta riceve poi in diretta una telefonata da parte di Fiorello, che gli fa i complimenti per il terzo posto e per il Premio della Critica: "Trovarmi accanto a Fiorella Mannoia sul podio mi fa effetto perché lei ha scritto pagine importanti della storia della musica italiana", aggiunge poi.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi