Indiemood sessions: Cosmic Bloom nei canali di Venezia - VIDEO

Indiemood sessions: Cosmic Bloom nei canali di Venezia - VIDEO

I Cosmic Bloom nascono a Parigi in un teatro indipendente nel 2013 dall'incontro e la fusione di quattro musicisti provenienti da altrettanti differenti stati: Jesus Manuel: voce, chitarra e percussioni ITALIA, Emma Grace: voce, violino, shruti box USA, Pascal Le Pape: flauto traverso FRANCIA e Victor Lazarus: basso RUSSIA. Dopo pochi mesi la band inizia ad esibirsi nei locali della scena underground parigina tra i quali: Bootleg, Peniche Anako, 59 Rivoli, Chansonniér, Bellevilloise,Le Chêne,Marcheurs de Planète, Petit Téâtre du Bonheur.. Con l'uscita del primo album "Soul Service", luglio 2014 (registrato a Parigi e masterizzato a Manchester allo Studio 11) la band inizia un tour nomade, autoprodotto, itinerante esibendosi in Europa: Francia, Italia, Grecia, Germania, Olanda… Un tour senza pause che "costringe" la band a reclutare musicisti durante i vari spostamenti.

Il concetto di band è relativo, Cosmic Bloom è un progetto artistico, un caravan hippie. Il genere è qualcosa di fresco, di nuovo e fonde musica folk, psichedelica, rock e musica spirituale. I concerti sono la commistione di composizioni musicali, teatro e mantra cosmici. Nel gennaio 2015 esce "Star of the East", registrato a: CEA music studio Cheny/Paris e masterizzato a Manchester (studio 11). Durante questo tour nomade viene concepito il terzo disco "One Second of the Universe", registrato tra Parigi, Salonicco, Assisi, Pordenone e mixato e masterizzato sempre allo Studio 11. In due anni Cosmic Bloom si esibiscono in più di 150 concerti riscuotendo numerosi apprezzamenti ed esaurendo oltre seicento cd. La formazione calca numerosi palchi suonando in festival, teatri, rassegne d'arte contemporanea, bettole di periferia e house concerts. Da febbraio 2016 la band si espande dando vita al progetto Cosmic Bloom Orchestra. Tutto questo è il frutto della determinazione, della ricerca artistica che Cosmic Bloom offre al mondo, senza l'appoggio di agenzie booking, distribuzioni o etichette. Nelle nostre sessions ci regalano: “Prayer on the Riverside”.

“…l'esperienza é stata cool! Bello staff e molto disponibili tutti! Davvero bello! Un format davvero nuovo e originale!”

"…Some one hidden finds me

hope you're here to show me the way

are you hearing this silence

hope you'll hear it more

turn on lights

when you're speaking of no return

someone here's gonna find me

And I feel it more…"

 

(Prayer on the Riverside – Cosmic Bloom)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.