X Factor, parla il produttore dei Jarvis: "Chiedetevi che cosa c'è scritto nel contratto discografico"

X Factor, parla il produttore dei Jarvis: "Chiedetevi che cosa c'è scritto nel contratto discografico"

Sviluppo nella notte sul caso dei Jarvis, la band che ha rinunciato a partecipare alla fase finale della decima stagione di X Factor, dopo essere stata selezionata da Alvaro Soler.

Come vi raccontavamo ieri sera, in puntata Alessando Cattelan ha parlato di "motivi personali" per la rinuncia. Una frase, pubblicata e poi rimossa sulla pagina Wikipedia del programma, lascia intendere invece una volontà del gruppo di non voler firmare il contratto discografico con la SonyMusic, partner di X Factor.

La frase "incriminata" è stata probabilmente scritta da Larsen Premoli, general manager della band e responsabile dei RecLab Studios, che sulla pagina Facebook del gruppo è indicata come loro "etichetta discografica".

Premoli, questa notte, ha pubblicato un lungo post in cui chiarisce alcune cose, pur senza nominare né il gruppo né il programma perché, come dice lui stesso:

"sapete come funziona il programma, gli fanno firmare col sangue dei documenti dove c'è scritto che non possono parlare, quindi non rompete le balle e rispettate la privacy delle persone se avete un minimo senso dell'etica e del buon gusto"

Premoli innanzitutto chiarisce il suo rapporto con il gruppo che, a suo dire, non ha un contratto discrografico in essere (come invece appare su Facebook dove la RecLabStudios figura come "Etichetta discografica"):

 Non sono un'etichetta discografica, e di conseguenza non stipulo e non ho mai fatto firmare alcun contratto discografico a nessuno. Mi viene commissionata la pizza, cucino la pizza, vendo la pizza. Ho seguito e sostenuto un progetto musicale da settembre dello scorso anno fino a quest'estate senza alcun vincolo contrattuale discografico o di altra natura e senza alcun ritorno economico, e solo a fronte della partecipazione al sopracitato format televisivo per tutelare le persone coinvolte da un articolo del contratto di partecipazione - che dichiara che laddove non si abbia in essere un contratto manageriale se ne dovrà sottoscrivere uno con la casa di produzione televisiva - ho accettato su suggerimento di rappresentare in qualità di manager i suddetti artisti. Spero dunque che a differenza di quanto riportato sia chiaro che non ci sono e non sono mai esistiti contratti discografici, etichette discografiche

E poi, sostanzialmente, conferma quanto ipotizzato: il gruppo non voleva firmare con la SonyMusic:

Se posso convidividere il mio pensiero: non cercate un "altro diverso interesse in corso" nel perchè quattro ragazzi decidono di rifiutarsi di firmare un contratto di SONY, chiedetevi piuttosto che cosa c'è scritto li dentro percui una persona prendendone atto decida di rifiutarlo anche a fronte di un'esclusione da un format tv che ti voleva dentro.

Il post completo si può leggere qua. Alcuni siti riportano che sulla pagina Facebook del gruppo, che non fa menzione della partecipazione a X Factor dei Jarvis, sia comparso un commento che prometteva chiarezza, ma il commento ora non è reperibile e sembre essere stato rimosso.

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.