Kansas: la parola a Phil Ehart... e alla musica

Kansas: la parola a Phil Ehart... e alla musica

I Kansas - rocker di Topeka nati nel 1970 - sono tornati col loro quindicesimo album in studio - a ben 16 anni dal precedente "Somewhere to Elsewhere". Il nuovo "The Prelude Implicit" vede una formazione con parecchio "sangue fresco" in circolo (ben tre sono gli elementi entrati negli ultimi due anni), ma lo spirito sembra immutato: la musica viene prima di tutto... e nient'altro importa.

Ecco il risultato di una breve e ficcante chiacchierata con il batterista Phil Ehart, in organico dal 1973.

Sono passati tanti anni e i Kansas sono ancora qui. Pensavate sarebbe andata così?
Io, per quanto mi concerne, ho sempre pensato che i Kansas sarebbero durati molto. Noi facciamo tutto per la musica, non è una faccenda legata a uno o due tizi.

Come ci si sente, dopo tanti anni, a suonare nuovamente senza Steve Walsh?
Steve ci mancherà per sempre. È un grande amico. Ma le cose e le persone cambiano e la vita continua, a volte con grosse differenze…

Come è nato il nuovo materiale?
Zak [Rizvi – ndr] è stato il compositore principale, mentre Ronnie [Platt – ndr] si è occupato dei testi in particolare. Il resto del gruppo ha dato una mano con le parole, i titoli, le parti centrali dei brani e cose così. Insomma, è stato un lavoro di gruppo.

Dopo tanti anni, è stata dura lavorare con un nuovo cantante?
No, Ronnie è un tipo con cui si lavora benissimo. Questo disco è stato molto divertente, da realizzare.

Sono passati 16 anni dall’ultimo disco… pensate che i vostri fan storici siano ancora lì?
Ne sono certo… abbiamo fan vecchi e giovani. Li vediamo di continuo ai nostri concerti!!!

Con Platt, Manion e Rizvi nella formazione, pensi si possa parlare di “nuovi” Kansas?
Sì, questa è una band nuova con un nuovo disco. E accettiamo di buon grado tutti i cambiamenti del caso.

Se tu avessi modo di usare una macchina del tempo… cosa cambieresti nella storia della band?
A parte una sola cosa, molto personale, che ha a che fare con la salute di mio figlio, non cambierei una sola cosa. Nessuna.

[a.v.]

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.