Da riscoprire: la storia di “Azimut" dei Perigeo

Da riscoprire: la storia di “Azimut" dei Perigeo

C’è stato un tempo in cui i confini fra jazz elettrico e rock sembravano labili. Fra i primi ad adoperarsi in Italia all’inizio degli anni ’70 per abbattere il muro che divideva i due generi c’erano i Perigeo. Ispirati dalle gesta di Miles Davis e folgorati in particolare da “Bitches brew”, nel 1972 assemblano l’album d’esordio “Azimut” presso lo Studio D della RCA romana. È diverso da qualunque altra cosa circoli in Italia. In una formazione a cinque che comprende un pianista, un sassofonista, un chitarrista elettrico, un (contrab)bassista e un batterista, i Perigeo mirano alla creazione di una variante italiana di jazz-rock, evidentemente affratellato con quello americano, ma radicato nel nostro Paese e appetibile per il pubblico giovanile che frequenta i cosiddetti festival “pop”.

GUARDA LA PAGINA DEDICATA AI PERIGEO E PRE-ASCOLTA GLI ALBUM CHE PREFERISCI

Basterebbe il background dei musicisti per raccontare la natura ibrida della band. Il fondatore Giovanni Tommaso, da Lucca, è un contrabbassista e bassista elettrico che ha una lunga storia come leader e turnista. È spalleggiato dal pianista jazz Franco D’Andrea del Modern Art Trio, già collaboratore di Gato Barbieri e destinato a una luminosa carriera solita. In un primo tempo i due chiamano il batterista con esperienze beat Bruno Biriaco e con lui provano in trio. Il batterista suggerisce di coinvolgere il sassofonista soprano e alto Claudio Fasoli che ha visto suonare in un festival del jazz del 1970 al Teatro dell’Arte di Milano. Tommaso chiama il chitarrista d’estrazione rock Tony Sidney dopo averlo ascoltato a Firenze, impegnato in un trio modello Jimi Hendrix Experience. Grazie all’attività di session man svolta da Tommaso all’interno della RCA, la band firma un contratto per un disco.

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE DI "AZIMUT" SUL SITO DI LEGACY

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.