È morto Scotty Moore, fu chitarrista di Elvis Presley - VIDEO

È morto Scotty Moore, fu chitarrista di Elvis Presley - VIDEO

È morto Scotty Moore, chitarrista noto ai più per la sua collaborazione con Elvis Presley. Il musicista, membro della Rock and Roll Hall of Fame dal 2000, è scomparso lo scorso martedì, 28 giugno, nella sua casa a Nashville: aveva 84 anni ed era malato da tempo. La rivista Rolling Stone lo aveva inserito al 29esimo posto nella sua classifica dei 100 migliori chitarristi di sempre.

Originario di Gadsden (Alabama), Winfield Scott Moore III - questo il nome all'anagrafe del chitarrista - si dedicò interamente alla sua passione per la musica dopo essere tornato dal servizio militare: nel 1954 si trasferì a Memphis e fondò con il bassista Bill Black gli Starlite Wranglers, un gruppo country, entrando poi in contatto con Sam Phillips. Quest'ultimo quattro anni prima, aveva fondato nella cittadina del Tennessee il Sun Studio, che si trovava nello stesso stabile in cui aveva sede l'etichetta discografica Sun Records, fondata dallo stesso Phillips nel 1952. Nella sala di registrazione si alternavano big del mondo del blues e del rock and roll come B.B. King, Jerry Lee Lewis, Johnny Cash e Elvis Presley. Il rocker di Memphis si aggiunse a Scotty Moore e a Bill Black, dando vita al trio dei Blue Moon Boys.





Scotty Moore continuò a collaborare con Elvis Presley anche quando quest'ultimo intraprese la carriera solista, per un totale di 14 anni (fino al 1968), prendendo parte alle registrazioni di brani come "Baby let's play house", "Heartbreak hotel" e "Jailhouse rock".





Archiviata la collaborazione con Elvis, oltre a portare avanti una carriera discografica solista (che lo vedrà consegnare al mercato tre album in studio) Scotty Moore collaborò con - tra gli altri - Jerry Lee Lews, Paul McCartney e Ringo Starr, per il quale ricoprì il ruolo di ingegnere del suono per il disco "Beaucoup of blues" del 1970. Nel 1996 Scotty Moore e il percussionista D.J. Fontana si decidero a realizzare un album-omaggio a Elvis Presley, "All the king's men": alle lavorazioni di questo disco prese parte anche Keith Richards, che raggiunse gli altri musicisti in studio, a Woodstock, tra il 5 e il 7 luglio del 1996. Keith portò con sé suo padre Bert per fargli incontrare l'uomo che aveva fatto sì che suo figlio imparasse a suonare la chitarra... Scotty Moore. Il chitarrista degli Stones ricorda quell'esperienza così:



Scotty Moore intervistato dal collega Martin Taylor, tre anni fa:





Scotty Moore dà lezioni di chitarra su come suonare "Jailhouse rock":



Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.