NEWS   |   Pop/Rock / 30/06/2016

Da riscoprire: la storia di “Surrealistic pillow” dei Jefferson Airplane

Da riscoprire: la storia di “Surrealistic pillow” dei Jefferson Airplane

Pochi dischi rappresentano compiutamente un’epoca, un luogo, un movimento. “Surrealistic pillow” dei Jefferson Airplane è uno di questi. Uscito nel 1967, è il simbolo della stagione della psichedelia americana, del flower power, dell’estate dell’amore consumatasi a San Francisco. In copertina sei capelloni posano reggendo strumenti che fanno pensare a un ensemble folk più che a un gruppo rock psichedelico. Dentro, la band californiana indica la strada per trasformare il rock-blues e il folk-rock in una musica visionaria e onirica, senza mai uscire dal solco della canzone pop. “Surrealistic pillow” svela al mondo l’esistenza di una controcultura potente sulla costa occidentale degli Stati Uniti. La San Francisco dei Jefferson Airplane è una specie d’isola felice, la Mecca degli hippie o, come la definì una volta il chitarrista Paul Kantner, “49 miglia quadrate circondate dalla realtà”.

GUARDA LA PAGINA DEDICATA AI JEFFERSON AIRPLANE E PRE-ASCOLTA GLI ALBUM CHE PREFERISCI

Secondo album della band, “Surrealistic pillow” viene inciso nell’arco di due sole settimane usando un registratore a 4 piste, per un costo complessivo di circa 8.000 dollari. La nuova cantante Grace Slick, proveniente dai Great Society, sostituisce Signe Toly Anderson e s’impone quale una voce imperiosa degli ideali utopici di quegli anni e sex symbol in un periodo in cui le donne rock muovono i primi passi. Ispirandosi al “Bolero” di Ravel e a “Sketches of Spain” di Miles Davis e Gil Evans, Slick scrive “White rabbit” mettendo assieme l’immaginario di “Alice nel paese delle meraviglie” e riferimenti alle droghe. Il Bianconiglio del titolo è un personaggio del libro di Lewis Carroll, ma anche il nomignolo di Owsley Stanley, fonico dei Grateful Dead e gran distillatore di LSD. Il grido potente di Slick, “Feed your head!”, diventa il simbolo di un’epoca. L’altro pezzo forte dell’album è “Somebody to love”. Scritto dal fratellastro della cantante Darby Slick e già pubblicato su 45 giri dai Great Society senza grande successo, è un inno all’amore in un periodo di grande sperimentazione sessuale. “Altro che Estate dell’amore”, commenterà Kantner, “avrebbero dovuto chiamarla L’età dell’oro della scopata”.

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE DI "SURREALISTIC PILLOW" SUL SITO DI LEGACY

Scheda artista Tour&Concerti
Testi