Da riscoprire: la storia di "Dirty Deeds Done Dirt Cheap" degli AC/DC

Da riscoprire: la storia di "Dirty Deeds Done Dirt Cheap" degli AC/DC

La storia del rock è incredibilmente piena di cantonate. Pessime scelte fatte da chi, pur avendo il privilegio di poter prendere decisioni importanti agisce senza aver compreso appieno un fenomeno o un artista. Di solito il tempo, poi, fa giustizia e punisce – più o meno metaforicamente – i responsabili... ma il fatto resta, con tutti gli annessi, i connessi e gli eventuali danni causati da gesti non ponderati o guidati da logiche errate.
È il caso di “Dirty Deeds Done Dirt Cheap”: il terzo disco inciso, in ordine cronologico, dagli AC/DC, pubblicato in Australia nel settembre del 1976, ma – incredibilmente – rifiutato dalla Atlantic che avrebbe dovuto farlo uscire negli USA e aiutare la band a sfondare in quel mercato all’epoca ancora ostico per Angus Young e compari.
A complicare ulteriormente il quadro interviene la decisione di cambiare, per l’uscita nei mercati extra-australiani, la tracklist: per cui nella stessa annata si trovano in commercio due versioni differenti dello stesso lavoro. Una australiana e una per il resto del mondo (USA esclusi, che il disco lo intravedono solo come import, in quantità limitate e a prezzi elevati).

GUARDA LA PAGINA DEDICATA AGLI AC/DC E PRE-ASCOLTA GLI ALBUM CHE PREFERISCI

 “Dirty Deeds Done Dirt Cheap”, nel 1976, è un album intrinsecamente delinquenziale, maleducato, rozzo, inaccettabile per una certa fetta di benpensanti del rock tradizionale – ancora legati alle sonorità pre-esplosione del punk e che non disdegnano incursioni nei lidi raffinati (o semplicemente pomposi) di certo prog e rock poppeggiante. Il suo bello è proprio questo: si tratta di un lavoro deliziosamente lontano da qualsivoglia forma di raffinatezza, che mostra al mondo quanto liberatorie e divertenti possano essere la mancanza di sensibilità, l’assenza di tatto e zero buon gusto nelle accezioni legate al comune senso del pudore... qui si va al sodo e tutto evoca sesso, donne, divertimento stradaiolo, atteggiamento strafottente e – ovvio – l’immancabile campionario di alcool e alterazione mentale.

CONTINUA A LEGGERE LA RECENSIONE DI "DIRTY DEEDS DON CHEAP" SUL SITO DI LEGACY

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.