Massive Attack al Fabrique di Milano: la recensione del concerto

Massive Attack al Fabrique di Milano: la recensione del concerto

Sullo schermo alle spalle del duo trip-hop di Bristol scorrono instancabilmente messaggi di denuncia sociale sui temi più caldi dell’attualità: sostegno ai no tav, immagini toccanti sulle condizioni dei rifugiati politici, sul popolo siriano, sulla tecnologia che annulla l’umanità. Sembra che il sound ricco di contaminazioni, coinvolgente e mai scontato, non sia il solo aspetto che interessa ai Massive Attack.

GUARDA LA FOTOGALLERY DEL CONCERTO
 

Gli artisti entrano in scena con una certa noncuranza, in un Fabrique stracolmo di gente: si sta stretti come sardine in scatola, ma ai rintocchi della cassa in quarti il pubblico riesce a ricavarsi il giusto spazio per ballare, sotto la voce calda di Martina Topley-Bird in “Battle Box 001”. L’atmosfera ipnotica e decadente di “United snakes” precede i toni cupi di “Risingson”, con l’inconfondibile intro di basso e il rap compassato al canto. Sorprende il pezzo che dà il titolo al nuovo EP, “Ritual spirit”, con Azekel al microfono: il suo timbro chiaroscuro diventa struggente sui toni più acuti, e la ritmica alienante e complessa di sottofondo rende l’intero brano un vero e proprio successo. Lascia senza parole Horace Andy: il cantante giamaicano si esibisce sui brani “Girl I love you” e su “Angel”, una delle tracce più celebri dei Massive.

 

Senza dubbio le voci espressive sono state il fiore all’occhiello di questa serata, dai nomi appena citati, alle collaborazioni con gli Young Fathers sui pezzi nuovi in chiusura di scaletta (“Voodoo in my blood” e “He needs me”), fino agli acuti di Deborah Miller sui suoni metallici di “Unfinished sympathy”. Il duo “3D” e “Daddy G” si dà da fare sullo sfondo: entrambi sostengono con energia lo spettacolo dal principio alla fine, con poche azzeccate parole tra un pezzo e l’altro, uscendo infine di scena con gli stessi modi sbrigativi con i quali hanno esordito.

 

(Vittoria Polacci)

 

SETLIST:

Battle box 001

United snakes

Risingson

Paradise circus

Ritual spirit

Girl I love you

Psyche

Future proof

Jupiter

Teardrop

Angel

Inertia creeps

Safe from harm

Take it there

Voodoo in my blood

He needs me

Unfinished sympathy

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.