John Lydon: "Non ci sarà una reunion dei Sex Pistols": l'intervista in esclusiva a Popcorner (Radio2)

John Lydon / Johnny Rotten, dj per un giorno a Radio2. E' quanto accaduto al programma “Popcorner”, condotto da Francesco Adinolfi, sabato 4: il leader dei P.I.L. (ed ex leader dei Sex Pistols)  si è raccontato in esclusiva nazionale, parlando del nuovo disco, dell’impossibile riunione coi Pistols, dei grandi rimpianti legati alla suoi genitori e di molto altro. Ecco la trascrizione dell’intervista, per gentile concessione di Radio2 (il podcast si può riascoltare qua)

"Bello Roma, ciao!", ha esordito Lydon con Adinolfi.  Il nuovo disco dei P.I.L. "What the world needs now", uscirà a settembre. Puoi parlarcene? 
"Su questo disco abbiamo esplorato l'idea di struttura. Il singolo che lo anticipa, "Double Trouble", nasce da una discussione che ho avuto con mia moglie legata al..bagno". 
Al bagno? "Si, esatto. La canzone parla di questo. E' una beatitudine domestica, se troviamo piccole soluzioni nelle piccolo cose quotidiane non dobbiamo andare a fare la guerra per cose più grandi". 

Lydon si è improvvisato dj per un giorno e ha lanciato la sua top five dai microfoni di Radio2.

Si parte dai Bee Gees, col brano "New York Mining Disaster 1941. Perché questa scelta?  "Tutti i loro singoli degli anni Sessanta erano incredibili, non c'era confronto con quello che avevo sentito prima. Niente suonava come loro". Il secondo pezzo è un classico della disco: "I Feel Love" di Donna Summer. "Lei è incredibile e questo pezzo l'ho amato dalla prima volta che l'ho ascoltato. Ero in una discoteca frequentata da lesbiche, con delle mie amiche, e appena è partito il pezzo il suono esplodeva dalle casse. Amavo veramente Donna Summer, mi manca molto". Il terzo pezzo è un altro classico, stavolta di un insospettabile: Dean Martin, "That's Amore". "Si. Lui presentava come un ubriacone, ma per me faceva le cose perbene. Tutto con lui era sofisticato, la sua era una recitazione di prima classe, col suo umorismo secco e imperturbabile. Aveva senso del ritmo, era molto italiano ma con lo stile americano". Ti piacevano i film con Dean Martin? "Si, le commedie mi hanno sempre affascinato, mi hanno insegnato sulla vita molto più di qualsiasi altro intellettuale". Il quarto pezzo è l'essenza del dub:Augustus Pablo "King Tubby Meets Rockers Uptown". "Questo pezzo ha mostrato tutte le infinite capacità del dub, è uno dei punti più alti del reggae. Io sono cresciuto a Finsbury Park, una comunità con una mescolanza di culture. Il reggae fa parte della mia cultura!".

L'ultimo pezzo scelto da Lydon è "Disappointend", dei suoi P.I.L. band con la quale sarà in tour in Italia ad ottobre. Cosa vedranno i fan nei live italiani? "Ascolteranno i brani del nuovo disco, certo, ma anche pezzi vecchi. Ci piacciono i live lunghi e intensi, ci piace sperimentare. I nostri live sono un'esperienza, un live senza religione, la cosa più vicina ad uno spettacolo d'opera". Ti piace l'Opera? "Si, quando sono stato a Roma per cinque mesi andavo spesso a vederli".

Tornando alla musica, John Lydon è uno che compra molti dischi? "Si, compro molti dischi, prendo di tutto, ad eccezione dal jazz tradizionale di New Orleans. Mi ricorda il rumore degli ingorghi in Francia, è dissonante!".

Ci sarà una reunion dei Sex Pistols? "Non penso, ne ho parlato anche col batterista Paul Cook: abbiamo deciso che per restare buoni amici non dobbiamo restare in un gruppo".

Ed è possibile che farete, magari, solo un altro show? "Forse nemmeno quello. CI teniamo molto più a restare amici più che a far parte di quella band".  Sono state messe in circolazione delle carte di credito dei Sex Pistols. Ti piace quest'idea? "Quello è stato un colpo di genio di Richard Branson, è anarchia totale! Una carte di credito dei Sex Pistols! - ha commentato entusiasta Lydon a Radio2 -. Vai in banca e ti presenti con la carta dei Sex Pistols: se ti rifiutano la richiesta, tu puoi sempre dirgli "never mind the bollocks!".   E' più difficile essere John Lydon o Johnny Rotten? "Penso sarebbe stato più difficile se fossi morto da giovane".  Infine, Adinolfi ha chiesto al leader dei P.I.L.: hai qualche rimpianto nella tua vita? "Si, le conversazioni con mio padre e mia madre, quelle conversazioni rimaste a metà. Ora sono morti entrambi e io non gli ho potuto dire quanto li amassi. Questa cosa mi perseguita e loro mi mancano molto", ha concluso Lydon a Rai Radio2.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.